SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Da questa mattina è partita a pieno regime l’operazione di recupero del relitto del Rita Evelin e con esso, si spera, anche delle salme di Francesco Annibali, Ounis Gasmi e Luigi Luchetti. La telecamera subacquea istallata sul robot filoguidato Rov ha compiuto una ricognizione sul fondale e sul relitto. Il suo raggio di azione è di 40 metri e le immagini raccolte sono servite per le operazioni di attracco degli otto ormeggi del pontone. Il relitto verrà tirato in superficie grazie a un sistema di staffe per imbracare lo scafo che verranno posizionate dai palombari in immersione. La gru del pontone dispone di un gancio di grandi dimensioni, da cui parte un filo d’acciaio lungo 30 metri.
Quanto tempo ci vorrà per recuperare il relitto? Se tutto va bene in tre o quattro giorni l’operazione sarà conclusa. L’AD3 e il suo equipaggio torneranno poi in acque territoriali croate per continuare i lavori presso le piattaforme del gas.
Le autorità politiche – il sindaco Gaspari e il presidente della Provincia Rossi, soprattutto – si erano espressi perentoriamente: «La priorità deve essere il recupero delle salme». Ma le priorità dell’inchiesta disposta dal Tribunale di Fermo sono il recupero del relitto e la ricostruzione del naufragio. Il recupero delle salme dovrà perciò essere fatto solo una volta che il Rita Evelin tornerà in superficie.
Ieri sera sono ripartiti anche i pescherecci sambenedettesi, fermi in porto da una settimana per protestare contro la lentezza nel recupero delle salme. La madre di Wael, il figlio di Ounis Gasmi, è arrivata in Italia molto scossa dalla tragedia e ora sta ricevendo assistenza sanitaria presso l’ospedale civile.
Intanto continua la gara di solidarietà per il sostegno economico alle famiglie. La manifestazione “Aspettando il novello” di sabato e domenica ha raccolto 586 euro e l’organizzatore Gianni Brandozzi rinuncerà a metà del suo compenso. Il conto corrente postale è stato aperto da sabato e tutti possono versare un contributo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 985 volte, 1 oggi)