GROTTAMMARE – Pubblichiamo di seguito un comunicato stampa firmato dal segretario del circolo di Rifondazione Comunista di Grottammare, Gabriele Illuminati, con il quale si critica il centrodestra grottammarese per i manifesti che in questi giorni sono stati affissi nelle strade cittadine, in cui si chiede le dimissioni del sindaco Luigi Merli a seguito del documento di archiviazione della Procura di Fermo.

Il manifesto comparso sui muri di Grottammare in questi giorni, a firma dei Consiglieri comunali del centrodestra sull’archiviazione della vicenda Fish, è l’ulteriore prova della pochezza politico-intellettuale di questa opposizione.

Prendere il documento di archiviazione della Procura di Fermo, estrapolare da un più ampio contesto parole e mezze frasi, creare un puzzle di accuse per chiedere le dimissioni del sindaco Merli è una mera operazione di basso sciacallaggio politico.

In tutto ciò si ravvisa mancanza di rispetto per la decisione della magistratura che ricordiamo ha archiviato il caso, smentendo le accuse contenute negli esposti del Centrodestra e mancanza di rispetto verso i cittadini cercando di forviare la realtà.

La decisione della magistratura ha confermato la correttezza dell’Amministrazione in tutto l’iter della vicenda, cosi come da noi sostenuto fin dall’inizio.

E non poteva essere diversamente, i primi garanti sull’operato di questa Amministrazione sono proprio i cittadini di Grottammare, che partecipando alle assemblee pubbliche, attraverso il percorso partecipativo, propongono, votano, decidono, diventano, in definitiva, “parte integrante “ dell’Amministrazione.

Stiano tranquilli i consiglieri di centrodestra, la parola ai cittadini di Grottammare verrà data alla scadenza naturale, e siamo certi che in quella occasione saranno capaci di riconoscere chi in questi anni ha lavorato con onestà e correttezza e chi invece ha cercato con ogni mezzo di gettare fango sull’Amministrazione con gravi accuse, sistematicamente smentite dai fatti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.

(Letto 561 volte, 1 oggi)