Panichi Spa. E’ stata accolta, a tempi di record, dal presidente della Corte di Appello anconetana l’istanza (impugnava la sentenza Bartoli del 4 aprile 2006 favorevole alla Cariverone) depositata dal legale di Alberto Panichi, Marco Scalseggi di Ancona, con la quale si richiedeva di anticipare l’udienza, in un primo tempo fissata per 9 dicembre 2009. L’udienza si terrà ben due anni e mezzo prima (21 marzo 2007). Una decisione che fa clamore perchè abbastanza insolita per Corte d’Appello del capoluogo marchigiano. Probabilmente la relazione del dottor Formiconi (il giudice che ha esaminato il fascicolo) ha evidenziato la delicatezza del contenzioso che ha trascinato Alberto Panichi, ad uno stato di povertà e ad una frustrazione psicologica che l’ex imprenditore ritiene assolutamente ingiusta. Una decisione che lo soddisfa ampiamente come testimoniano le sue prime parole dopo che ne è venuto a conoscenza «L’aria sta cambiando, ora sono serviti coloro che speravano nei soliti tempi lunghi per il giudizio d’Appello»

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 926 volte, 1 oggi)