ROMA – È possibilie far intervenire i palombari del Gos (Gruppo operativo subacquei) del Comsubin (Comando subacquei incursori) della Marina Militare di stanza a La Spezia? È la richiesta che il sottosegretario Pietro Colonnella lunedì sera ha rivolto al collega di governo Giovanni Lorenzo Forcieri, sottosegretario al ministero della Difesa.

«Per risolvere in fretta questo doloroso problema non dobbiamo lasciare niente di intentato», ci ha detto Colonnella che nel pomeriggio aveva di nuovo parlato con il vicepresidente del Consiglio Massimo D’Alema. «Ho chiesto a Forcieri – che fra l’altro è proprio di La Spezia – di valutare presto nelle opportune sedi operative la concreta possibilità di far arrivare i palombari della Marina, gente addestrata e in grado di operare a profondità ben maggiori di quella su cui è adagiato il relitto del Rita Evelin».

Fra le loro varie e notevoli capacità operative, i palombari del Gos-Comsubin possono eseguire immersioni fino a 250/300 metri con l’ausilio di impianti integrati imbarcati sulle proprie navi appoggio, con impiego di miscele respiratorie ad elio-ossigeno e con tecniche di intervento o in saturazione. In particolare – per il soccorso su fondali simili a quello su cui si trova il Rita Evelin – possono scendere fino a 300 metri con uno scafandro rigido articolato (ADS) o con un mini-sommergibile.

Se fosse positiva la risposta del Capo di Stato Maggiore della Marina, da cui direttamente dipende il Gos-Comsubin, il problema resterebbe quello del tempo necessario per far giungere una nave appoggio del Gruppo Navale Speciale da La Spezia al punto in Adriatico in cui è affondato il Rita Evelin: 43 gradi e 12 primi di latitudine nord, 14 gradi e 15 primi di longitudine est.

Infine, alla domanda se è d’accordo a partecipare a San Benedetto ad un Consiglio comunale straordinario chiesto dall’Udc, Pietro Colonnella ci ha risposto: «Certamente. Però, in questo caso drammatico, prima che alle parole preferirei pensare ai fatti».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.653 volte, 1 oggi)