SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Uno sconto del 50% sarà riservato a tutti i lavoratori dipendenti sulla tratta Ascoli – San Benedetto a partire dal prossimo mercoledì 1 novembre.

Si tratta della nuova iniziativa messa in campo dall’Amministrazione provinciale che estende la campagna di agevolazioni iniziata nel 2005 anche al trasporto su rotaia.
Dopo il successo dello scorso anno (+30% degli abbonati) in cui furono promosse agevolazioni solo per gli spostamenti in autobus, la Provincia quest’anno rilancia consentendo ai pendolari di poter scegliere se utilizzare il bus o il treno.

Grazie ad una progettazione concertata con Cgil. Cisl, Uil, Start e Steat ed all’impegno sia finanziario che progettuale dell’Amministrazione provinciale, i lavoratori dipendenti potranno sottoscrivere a metà prezzo l’abbonamento integrato “Picchio” (31,05 euro e non 62,10). Il “Picchio” ha durata mensile e consente di effettuare un numero illimitato di viaggi tra Ascoli e San Benedetto utilizzando indifferentemente il treno o gli autobus extraurbani della Start. Inoltre con lo stesso abbonamento è possibile anche spostarsi con tutti gli autobus urbani delle due città.

“Siamo convinti che per portare avanti un’efficace politica di trasporto pubblico – ha dichiarato l’assessore ai trasporti Ubaldo Maroni – sia necessario accompagnare ad altisonanti slogan azioni concrete, condivise e partecipate. Per questo la Provincia è sempre in stretto contatto con le società, le associazioni e gli enti pubblici che possono concorrere a realizzare una mobilità efficiente, efficace, e soprattutto sostenibile”.

Ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione anche il dirigente del servizio Trasporti Emidio De Angelis che ha sottolineato l’impegno finanziario dell’amministrazione: per il progetto “Scegli il treno o il bus” la Provincia interviene con il 50% del costo degli abbonamenti e tale investimento rientra nella cifra prevista in bilancio per il 2006, pari a 280 mila euro per tutte le iniziative di agevolazione del trasporto pubblico.

L’assessore Maroni ha quindi posto l’accento sulla necessità di uno stretto coordinamento tra enti locali per favorire l’adozione di servizi utili come quello in partenza a Porto Sant’Elpidio, San Benedetto e Porto San Giorgio. Si tratta del progetto “C’entro in bici”, pensato per consentire un utilizzo gratuito di biciclette pubbliche in tutte le città aderenti all’iniziativa (sono oltre 50 in tutta Europa, da Amsterdam a Ravenna) ed utile anche per ovviare al problema delle città che non offrono coincidenze tra treni e autobus. A tal proposito l’assessore Maroni ha sottolineato la necessità di offrire ai pendolari in arrivo ad Ascoli le coincidenze per raggiungere il centro cittadino con il trasporto urbano, che attualmente non sono disponibili. La Provincia si è già messa in contatto con il Comune di Ascoli Piceno per studiare insieme soluzioni che consentano di spostarsi con agilità tra la stazione ed il cuore della città.

L’abbonamento mensile “Picchio” può essere acquistato esclusivamente nelle 3 rivendite autorizzate al rilascio: l’agenzia Cameli ad Ascoli Piceno, il bar dello Sport a Villa Sant’Antonio e l’agenzia Start a San Benedetto del Tronto. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla start o agli uffici del servizio Trasporti della Provincia, 0736-277.913 / 915.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 856 volte, 1 oggi)