SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sarà sempre una partita di sport, ma meno allegra. Se alla vigilia in molti temevano che Samb-Cavese potesse essere un incontro a rischio ordine pubblico, a causa di una rivalità tra le tifoserie che affiora alla prima metà degli anni Ottanta, si tratterà invece, probabilmente, di una partita con il dolore nel cuore, per tutta la tifoseria sambenedettese, ma, crediamo, anche per gli sportivi di Cava dei Tirreni.

Il Rita Evelin si trova ancora ad ottanta metri di profondità nell’Adriatico, con il suo triste carico: non sappiamo se per domenica qualcosa cambierà, ma sicuramente non sarà facile far finta di nulla. Per questo l’amministrazione comunale, pur non avendo indetto il lutto cittadino (formalmente i tre marinai sono ancora dispersi), sta annullando le manifestazioni di carattere ludico-ricreativo (ad esempio la Notte Bollente, inizialmente in programma per venerdì sera).

Tra queste, come anticipato dall’assessore Margherita Sorge durante l’incontro del Bilancio Partecipativo che si è tenuto nella serata di venerdì al quartiere Marina di Sotto, dovrebbe essere previsto anche l’annullamento dell’accoglienza festosa prevista inizialmente per i tifosi di Cava dei Tirreni. I quali, comunque, saranno sempre ricevuti in maniera degna.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.012 volte, 1 oggi)