SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giuseppe Giannini non ci sta. L’ex allenatore della Samb non ha affatto gradito le pesanti accuse dell’imprenditore romano Alberto Soldini, che appena due giorni fa ha raccontato alla stampa di essere stato aggredito dal Principe e da un suo amico. «Metterò tutto in mano all’avvocato, ci sono gli estremi per una querela», questa la lapidaria dichiarazione rilasciata da Giannini al quotidiano Il Giornale. Dunque, la vicenda avrà presto strascichi giudiziari.
Secondo quanto riferito da Soldini al giornale milanese e al Corriere della Sera, Giannini e il suo accompagnatore lo avrebbero affrontato sotto casa, chiedendo insistentemente il pagamento di un debito di 14 mila euro, maturato ai tempi della sfortunata parentesi che li ha visti insieme alla Samb. Alle minacce sarebbero seguiti presto i fatti: l’imprenditore romano ha raccontato, infatti, di esser stato massacrato di botte dall’amico di Giannini, tanto da dover ricorrere alle cure dei sanitari, per una prognosi di ben 40 giorni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.140 volte, 1 oggi)