CUPRA MARITTIMA – Un utile confronto per definire la Cupra del futuro. Lunedì scorso, a Cupra Marittima, si è svolta infatti un’assemblea pubblica per definire la variante del Piano Regolatore: notevole, infatti, l’affluenza del pubblico: tutti i presidenti dei quartieri di Cupra oltre a molti rappresentanti politici e ai consiglieri comunali.
Si sono trovati così di fronte due diverse impostazioni: se la maggioranza facente capo al sindaco Giuseppe Torquati ritiene che, in fase di variante, non vadano indicati né gli assi viari, né i particolari costruttivi rinviando tali argomenti al momento della presentazione di piani particolareggiati, dando ai progettisti la possibilità di operare senza ‘paletti’ precostituiti, la minoranza, rappresentata dai consiglieri Giovanni Ciarrocchi, Nicolino Calvaresi e dal segretario del circolo di Rifondazione Comunista di Grottammare Gabriele Illuminati, ritengono che già nella fase di previsione delle zone di espansione occorra dare indicazioni sulla viabilità.
Durante l’incontro, l’architetto Luigi Valeri ha spiegato nel dettaglio la planimetria generale della variante di piano.
Il sindaco Torquati ha comunque chiesto la collaborazione e partecipazione di tutte le forze politiche nella fase di definizione della variante del piano poiché «questo strumento urbanistico determinerà lo sviluppo di Cupra nei prossimi dieci anni: che ognuno di noi si sforzi di dare il meglio di sé dando suggerimenti che contribuiscano a migliorare tale strumento».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.600 volte, 1 oggi)