SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Io indagato? Ma cosa si scrive? Ad oggi né io né alcun membro della mia famiglia ha ricevuto un avviso di garanzia inerente la Sambenedettese Calcio, né da Ascoli né da Pescara. Mi sono stancato di questa situazione e sporgerò querela».
Raggiungiamo il presidente della Samb Gianni Tormenti al cellulare, ma dall’altro capo della cornetta, è il caso di dirlo, sono tuoni e fulmini. L’origine è da rintracciare nell’articolo pubblicato stamane dal Corriere Adriatico: «Turbativa d’asta, Tormenti indagati».
Sentite: «Non capisco il perché di questa nuova cattiveria. Non ci spieghiamo perché ci sia questa negatività contro la Samb. Quel giornale continua da mesi ad accostarci a Deodati, Soldini e Venturato: ebbene, io dico che la famiglia Tormenti è inattaccabile, non abbiamo un protesto né nulla, abbiamo pagato fior di denaro per avere la Samb. Sono mesi che continua questo atteggiamento».
Presidente, e secondo lei per quale motivo ci sarebbe questo accanimento?
«Non lo so, non riesco a fare alcun tipo di ragionamento, forse voi che siete giornalisti riuscite a capire meglio questa situazione. Ad ogni modo si parla di turbativa d’asta quando abbiamo speso 160 mila euro in più rispetto alla terza battuta d’asta: ma chi può credere ad una cosa del genere?».
I rapporti tra la famiglia Tormenti e il quotidiano anconetano si fanno tesissimi, e ci potrebbero essere delle conseguenze clamorose nei prossimi giorni. Seguiremo comunque la vicenda attentamente. Ad ogni modo è possibile, tecnicamente, che un tribunale abbia avviato delle indagini senza aver per questo inviato un avviso di garanzia (cosa che, comunque, non implica assolutamente colpevolezza). In questa vicenda è strano, però, che i diretti interessati cadano dalle nuvole.
FRANCO ZAZZETTA Il curatore fallimentare della Samb spiega: «Non ne so nulla, apprendo la notizia proprio ora. Mi sembra strano parlare di turbativa d’asta, non capisco a cosa sarebbe servita».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.413 volte, 1 oggi)