SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Pesanti, come ampiamente previsto, le ripercussioni su Giulianova e Samb dopo gli episodi che hanno caratterizzato la gara del Fadini.
Per il club giallorosso una multa pari a 5.000 euro – e poteva andargli molto peggio; per dirla tutta: ci sorprendiamo che l’impianto abruzzese non sia stato squalificato (ricapitoliamo: prima il tentativo da parte di alcuni tifosi della curva Ovest di venire in contatto coi tifosi ospiti che stazionavano nella porzione di distinti accanto alla Curva Est, poi l’invasione, alla quale hanno fatto seguito altri tentativi, di un sostenitore giallorosso) – mentre per il sodalizio di Viale dello Sport un’ammenda di 2.000 euro “perchè propri sostenitori in campo avverso introducevano e accendevano nel proprio settore sei fumogeni senza conseguenze; gli stessi lanciavano verso i settori riservati ai tifosi avversari numerose bottiglie in plastica semipiene, vari oggetti e qualche sasso, senza conseguenze; nonché indirizzavano numerosi sputi verso un assistente arbitrale che veniva raggiunto alla testa e alla schiena”.
Nessuno squalificato nelle fila rossoblu, come pure il Manfredonia, prossimo avversario dell’undici di mister Ugolotti, al Riviera non lamenterà defezioni a causa di provvedimenti disciplinari. Consideriamo a parte infatti l’inibizione, fino al 31 dicembre, del presidente sipontino Angelo Riccardi, reo di aver offeso l’arbitro e gli assistenti nel corso di Manfredonia-Ravenna.
Di seguito riportiamo tutte le decisioni del Giudice Sportivo in ordine alla settima giornata del C1/B.
Giocatori
Due giornate
Evacuo (Avellino), Morello (Giulianova), Mancino (Martina), Albino (Perugia)
Una giornata
Femiano, D’Anna (Juve Stabia), Nocerino (Cavese), Pomante (Giulianova), Mariscoli (Lanciano), Taccola (Ternana)
Società
Ammende
Giulianova 5.000 euro; Cavese 4.000 euro; Foggia 3.000 euro; Samb, Ancona e Martina 2.000 euro; Juve Stabia 1.500; Gallipoli e Salernitana 1.000 euro; Taranto 800 euro; Manfredonia 750 euro; Teramo 700 euro; Lanciano e Ternana 400 euro; Avellino 300 euro
TARANTO-TERNANA A PORTE CHIUSE La Lega di C ha respinto il recorso presentato dal Taranto in merito alle due giornate di squalifica comminate dalla Commossione Disciplinare allo stadio Jacovone, dopo gli incresciosi episodi che hanno fatto seguito alla trasferta della formazione di Aldo Papagni a Castellammare di Stabia, lo scorso 24 settembre. Pertanto la sfida di domenica prossima tra gli jonici e la Ternana si disputerà, come previsto, a porte chiuse.
DAL 29 OTTOBRE IL CALCIO D’INIZIO ALLE 14,30 La Lega ha confermato che a partire dal 29 ottobre (Samb-Cavese) e fino al 24 marzo 2007 (Samb-Teramo) l’orario d’inizio dei campionati di serie C è fissato per le ore 14,30.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 958 volte, 1 oggi)