SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’estate è finita, si riaffaccia la “minaccia” dell’inquinamento da polvere sottili. Come contrastare efficacemente questa piaga che ogni anno torna d’attualità con la fine della bella stagione? Il presidente della Confcommercio locale, Ivo Giudici, suggerisce all’Amministrazione locale e agli altri enti interessati al problema di attuare finalmente interventi seri, evitando di ricorrere ad inutili palliativi. «La nostra associazione – spiega Giudici – è sempre in prima fila ad affermare che non sono le domeniche ecologiche o le targhe alterne, o i bollini blu a risolvere il problema. L’inverno scorso un’ordinanza comunale poneva tanti di quei limiti alla circolazione che ha portato molti disagi in tutti i settori, ma non ha ottenuto i risultati previsti. A cosa è servito tutto ciò? Abbiamo abbassato le PM10? Non ci sembra».
Giudici propone alle istituzioni locali d’investire ogni risorsa su nuove infrastrutture: «Non sarebbe meglio iniziare a fare una programmazione seria di interventi? Creiamo un tavolo di concertazione tra l’Amministrazione Comunale e gli enti interessati come Provincia e Regione. Interveniamo per eliminare i mezzi pesanti dall’attraversamento della città, investiamo sulle infrastrutture, terminiamo la circonvallazione collinare. Tutti gli interventi palliativi presi finora hanno sortito unicamente disagi e notevoli perdite economiche tra tutti gli operatori commerciali e turistici della città».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 232 volte, 1 oggi)