SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Giovedì 28 settembre, si è svolto un incontro presso la sede della Presidenza del Consiglio dei Ministri, palazzo Chigi a Roma, con i dirigenti dell’Ufficio del Vice Premier Francesco Rutelli, in merito alla proposte da inserire nella manovra finanziaria 2007 in materia di canoni demaniali.
L’incontro ha consentito di prendere atto della proposta alternativa all’aumento del 300% sui canoni demaniali e delle misure che si intendono attuare per l’anno prossimo.
L’aspetto principale di questa proposta consiste comunque nella abrogazione dell’aumento del 300% sui canoni di concessione demaniale, avversato strenuamente dalla categoria dei concessionari spiaggia.
Pertanto, per gli anni 2004, 2005 e 2006, tale aumento viene di fatto abolito.
“Si tratta di un provvedimento – dice Ilenia Illuminati, vice presidente nazionale Fiba Confesercenti – che vede premiata la nostra determinazione tenuta nel richiedere la cancellazione di tale odioso aumento. Il provvedimento, che verrà inserito nella legge finanziaria 2007, prevede inoltre una rideterminazione dei canoni con criteri (in parte suggeriti e proposti dalla Fiba) sicuramente più sopportabili dagli imprenditori turistici balneari.

Inoltre, fra le varie disposizioni previste, appare importante l’opportunità di allungamento del periodo di concessione (da 6 anni fino ad un massimo di 50 anni), in ragione dell’entità e della rilevanza economica delle opere da realizzare. Opportunità che viene incontro all’esigenza, per gli imprenditori del settore, di poter meglio investire sull’attività turistica balneare, con maggiore certezza sul proprio futuro e sul proprio lavoro”.
“L’augurio che ci facciamo – prosegue Ilenia Illuminati – è che l’impianto definito e concordato con il Ministro Rutelli possa essere confermato nell’ambito della discussione parlamentare e che non vengano apportate modifiche o emendamenti peggiorativi nel corso dei lavori sulla manovra finanziaria”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 958 volte, 1 oggi)