Mail Express-Fustellificio Antonelli 2-3

MAIL EXPRESS: Falgiatori Mario, Falgiatori Luca, Citeroni, Persico, Caucci, Marini, Faraone, Moriconi, Scaltritti, Laraia, Malatesta, Raffaelli. Allenatore: Mattioli.

FUSTELLIFICIO: Brandi, Ciccarelli, Pasquali, Pison, Salvatori, Viola, Romiti, Pilla, Diomedi, Evandri, Ricci, Cutrina. Allenatore: Ortenzi.

Arbitro: Ciccanti di Ascoli Piceno.

Durata partita: 2 ore.

Parziali: 25-19, 25-16, 19-25, 21-25, 14-16.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Primo stop, assolutamente inaspettato, specie se consideriamo come si erano messe le cose nella prima parte di match, per la Mail Express San Benedetto.

Nel corso della terza giornata di Coppa Marche i ragazzi di mister Mattioli hanno ceduto, peraltro tra le mura amiche, al Montegiorgio, avversario di pari categoria, per giunta inserito nello stesso girone (il B) dei rossoblu.

Mettiamola così: la prima sconfitta stagionale potrebbe costituire uno stimolo – o un monito? – affinché i rossoblu, in futuro – prossimo; per inciso: il campionato inizia tra due sole settimane – a fare meglio e a cercare una condizione fisica che ancora non pare soddisfacente.

La gara contro il sestetto di coach Ortenzi pareva doversi chiudere dopo poco, e invece alla fine si sono contate ben due ore di gioco. Pronti, via, i padroni di casa subito col piede sull’acceleratore, desiderosi di riscattare la prestazione piuttosto opaca di Fermo della settimana scorsa. Un Moriconi in formato super (topscorer della serata con 14 punti), guidava i suoi al 2-0: 25-19, 25-16 i parziali. Marco Mattioli provava allora a cambiare qualcosa, proprio per dare minuti a tutta la rosa. Dentro Citeroni e Persico, in luogo di Laraia (anche lui tra i più prolifici con 13 punti all’attivo) e del citato Moriconi.

Venivano fuori gli ospiti che facevano loro il set, nonostante qualche sofferenza (25-19 il parziale). Nel quarto set si faceva male Caucci – distorsione al dito. Dentro Scaltritti, ma Monturano tirava fuori le unghie e si portava sul 2-2. Rossoblu oramai in ginocchio e, soprattutto, in debito di ossigeno. La freschezza degli avversari si faceva sentire e, dopo tanto combattere, portavano a casa anche l’ultimo set. Finiva 16-14.

«Sono un po’ arrabbiato – commenta al termine dell’incontro Marco Mattioli, sulla panchina della Mail Express – L’incontro era nelle nostre mani. Purtroppo ci hanno condizionato i cambi, con Citeroni e Persico ancora piuttosto imballati, e la condizione fisica generale. Dovremo lavorare molto in queste due settimane che ci separano dall’esordio in campionato. Abbiamo grosse potenzialità, ma dobbiamo trovare una certa continuità di gioco».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 659 volte, 1 oggi)