GROTTAMMARE – A 34 anni può capitare che si metta davanti a tutto la famiglia. Specie se il tuo mestiere è il calciatore.

Massimiliano Fanesi, una carriera spesa in città e squadre di nome – Samb, Avellino, Ancona, Ternana e Treviso su tutte – ha scelto il Grottammare. A dispetto della Torres, nobile decaduta di serie C2 (girone A), che gli ha fatto la corte per diverse settimane. Alla fine Max, da tempo aggregatosi alla formazione di Daniele Amaolo, ha detto sì ad Amedeo Pignotti.

E’ lo stesso patron biancazzurro, nel tardo pomeriggio di venerdì, a dare l’annuncio. “Abbiamo trovato l’accordo con Fanesi: contratto di un anno. Il reparto avanzato in questo modo può dirsi completo. Abbiamo chiuso in bellezza. Se il mercato del Grottammare può dirsi concluso? Per ora sì, se però ci capiterà l’occasione di perfezionare qualche altra operazione non ci tireremo indietro”.

Fanesi dal canto suo, che già contro la Maceratese – i biancorossi domenica saranno ospiti al Pirani – potrà essere impiegato, visto che domani mattina la dirigenza invierà in Lega il contratto sottoscritto dalla punta sambenedettese, si dice soddisfatto della scelta fatta. “Avevo un’altra possibilità piuttosto allettante (la Torres, nda), però non me la sono sentita di restare lontano dalla mia famiglia, mi sono reso conto di non avere gli stimoli sufficienti. Sono contento di essere in una società che ha, nel suo piccolo, degli obiettivi importanti. Gli stimoli? Quando si gioca vicino casa si hanno per forza: non voglio certo fare brutte figure”.

Fanesi confessa poi che “nel prossimo futuro mi piacerebbe intraprendere la carriera di dirigente. Quanto giocherò ancora? Non facciO programma, finché ne avrò voglia. Vedrò di anno in anno. Qui a Grottammare comunque credo si possa fare bene; c’è una squadra giovane ma molto motivata e dalle grandi potenzialità”.

MANNI COME FANESI? Ad allenarsi coi biancazzurri c’è un altro giocatore, peraltro grottammarese doc, svincolato. Si tratta di Massimiliano Manni. Inevitabile approfondire l’argomento col numero uno del sodalizio biancazzurro, ma Pignotti glissa. “Se abbiamo parlato? No, non ci siamo mai incontrati per parlare di questa situazione”. Bugia. L’ex difensore del Taranto infatti, stanco di aspettare una formazione di C2 che gli sta facendo la corte, nei primi giorni della prossima settimana potrebbe sciogliere le riserve. Sicuro è che lunedì si incontrerà col presidente Pignotti. Mettiamola così: un primo pour parler. Serio. Della serie: se son rose fioriranno.

VERSO GROTTAMMARE-MACERATESE Un solo problema per mister Amaolo in vista della sfida casalinga al cospetto dei biancorossi: lo squalificato Pulcini. Già pronta in ogni caso la contromossa: Oddi al centro e Costanzo, al rientro, sull’out sinistro. Per il resto andranno in campo gli stessi che domenica scorsa hanno pareggiato in casa del Verucchio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.316 volte, 1 oggi)