RIPATRANSONE – Un progetto strategico che ha lo scopo di promuovere nuovi strumenti per combattere le forme di disuguaglianza, di discriminazione e di lotta alla tratta degli esseri umani, in particolare delle donne escluse socialmente, vittime di violenza ed in particolare, donne vittime della tratta degli esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale, matrimoni fittizi, lavoro nero, accattonaggio e traffico di organi.
Possono finalmente sorridere i 18 comuni marchigiani capeggiati dal Comune di Ripatransone (quale ente capofila accreditato in prima classe): finalmente il progetto è stato approvato nell’ambito del Servizio Civile nazionale. Con esso si darà la possibilità a sei volontari (tra i 18 e i 28 anni) di fare esperienza di volontariato in materia.
La domanda (il cui fac-simile può esser scaricato dal sito del Comune di Ripatransone) deve essere presentata entro il 16 ottobre 2006 alle ore 14:00, presso il Comune di Ripatransone – Ufficio Servizio Civile, Piazza XX Settembre, 63038 Ripatransone (AP).
Il presente progetto, “Dalla Tratta all’Autonomia”, ha visto la luce in seguito alla rivisitazione dei progetti presentati dai Comuni, tutti bocciati in un primo momento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 705 volte, 1 oggi)