ACQUAVIVA PICENA – La duecentesca Forasteria al neoclassico Ventidio Basso: frutto di un viaggio sulla macchina del tempo? La bellissima Laura Scartozzi di Grottammare, che ha indossato i panni della celeberrima figlia dei duchi degli Acquaviva all’ultima edizione di Sponsalia, ha partecipato, in rappresentanza dell’Associazione Palio del Duca, al galà “La più bella del reame“, svoltosi lo scorso sabato 23 settembre presso il noto teatro ascolano. Enti promotori dell’evento, condotto dal giornalista Filippo Ferretti e da Monica Riva, Parco Piceno e il Sistema Turistico Locale Picenomaremonti, presieduti dal professor Raniero Isopi.

Al concorso, riservato ai costumi d’epoca (nella fattispecie, Medioevo e Rinascimento), hanno preso parte 12 storiche sartorie italiane, che hanno sfilato al cospetto di una platea di circa 500 spettatori. Queste le caratteristiche dell’abito acquavivano, disegnato da Nello Gaetani: di color giallo pastello, ispirato ad una miniatura gotica del XIII secolo, realizzato con una tela di tessuto a mano cinigliato seta lino con trama irregolare, recava un ampio taglio modellato in vita. Il corpetto, ricamato artigianalmente con filo di lana, presentava, nella parte inferiore, un motivo fitomorfo di velluto in seta. Il mantello era decorato in oro stampato a mano.

Gran soddisfazione per Gaetani, il cui vestito ha contribuito all’assegnazione del 1° premio, per la sezione “epoca 1200-1400”, alla Sartoria Anna Marini. Non sono mancati i complimenti da parte dello stesso all’atelier ascolano, per il prestigioso riconoscimento, seguiti dai ringraziamenti agli organizzatori della rassegna.

Prossimo appuntamento per l’Associazione Palio del Duca, il pranzo sociale che il sodalizio ha voluto organizzare per ringraziare quanti hanno contribuito alla riuscita di Sponsalia 2006. Previsto per domenica 8 ottobre, si terrà presso l’hotel ristorante Duca degli Acquaviva.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 636 volte, 1 oggi)