SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Vigilia delicatissima in casa Samb. Alessandro Calori e i suoi ragazzi sono chiamati a cogliere i primi punti in classifica dopo tre partite in bianco.Le assenze, per squalifica, dei vari Esposito, Diagouraga e Visone, unitamente ai contrattempi dell’ultim’ora che hanno colpito Landaida (fastidio all’inguine) e Tinazzi (virus intestinale), fermi stamane nel corso della seduta di rinitura effettuata al Riviera delle Palme, hanno reso ancora più pesante l’attesa per quella che si può tranquillamente definire un’ultima spiaggia. I rossoblu, mestamente fanalino di coda del girone B, si troveranno di fronte una delle squadre maggiormente accreditate al successo finale, peraltro desiderosa di riscattare il mezzo passo falso casalingo di domenica scorsa contro la Juve Stabia.

Servono i primi punti della stagione, per il morale e per trasmettere tranquillità alla squadra stessa e, soprattutto, all’ambiente. Di più: per allontanare gli spettri che aleggiano sulla panchina di mister Calori, che pure non ci sta.

“Le voci sul mio conto non mi interessano. Spesso non li leggo nemmeno i giornali. So solo che sin dal primo giorno che sono alla Samb la famiglia Tormenti mi è stata vicino. Parliamo, ci confrontiamo, analizziamo. Si era parlato di un progetto e quel progetto sta andando avanti. Ripeto: quello che si dice sul mio conto non mi interessa. Piuttosto questa settimana ho lavorato molto sul fattore psicologico, ho cercato di far capire ai miei ragazzi che debbono abituarsi a preparare le partite con la pressione addosso”.

Veniamo al match di domani. Tre squalificati e due giocatori in dubbio.

“Speriamo quantomeno di recuperare Tinazzi e Landaida, anche perché di alternative non ne abbiamo. Ci mancano soprattutto i centimetri. Sono comunque ottimista”.

Arriva il Foggia vicecapolista. Che partita si aspetta?

“I rossoneri sono una squadra forte, ma noi dobbiamo guardare in casa nostra. Per prima cosa voglio maggiore concretezza sotto porta e meno sbagli in difesa; finora ci sono costati tanti punti. Poi vorrei che riuscissimo a mettere in pratica quanto prepariamo durante gli allenamenti: una squadra aggressiva, che sappia tenere ritmi alti. Una “zanzara”: attaccare e difendere, attaccare e difendere”.

Sia sincero: in virtù della forza di questo Foggia e, soprattutto, alla luce di qualche assenza di troppo per la sua Samb, un punto potrebbe andar bene?

“Tre non mi farebbero schifo. Niente calcoli, si parte per giocare la nostra partita, poi alla fine vediamo. Torno a ripetere che la cosa più importante è mantenere alta la concentrazione dall’inizio alla fine, proprio per non cadere in quegli errori che finora hanno condizionato il nostro cammino”.

Mister Calori in vista della sfida di domani pomeriggio ha convocato 20 elementi; praticamente tutti, compreso Mattia Santoni, ad eccezione degli squalificati e di Perugini, non al meglio.

 

QUI FOGGIA Nessun problema per mister Cuoghi che in vista della seconda trasferta di campionato ha tutto l’organico a disposizione; recuperati sia Cardinale, che soffriva per dei fastidi alla schiena, che l’attaccante Zagaria. Stamane i rossoneri hanno effettuato la consueta seduta di rifinitura al termine della quale sono partiti per le Marche. L’undici anti-Samb, come anticipato ieri, sarà lo stesso che domenica scorsa, allo Zaccheria, ha pareggiato contro la Juve Stabia.

 

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 683 volte, 1 oggi)