ACQUAVIVA PICENA – La Coppa Marche ha dato pochi spunti e molto su cui lavorare. L’Acquaviva si appresta, così, a vivere un’altra impegnativa stagione sotto la guida tecnica di Franco Mascitti. Nessuna pretesa da parte della Società che auspica in un campionato privo di sofferenza.
«Ci vogliamo salvare il prima possibile – ha spiegato l’allenatore arancioceleste – cercheremo di farlo disputando un torneo tranquillo benché sia consapevole di avere una squadra molto giovane. In rosa ci sono una decina di ragazzi classe 87 e classe 88, per cui sarà una stagione di rodaggio per loro».
«Sarà un anno di maturazione, magari anche grazie al contributo dei giocatori più navigati», ha concluso il mister. E sul calendario del suo Acquaviva dichiara: «Siamo stati abbastanza fortunati. Abbiamo il tempo di recuperare la condizione fisica, che ora non è buona. Comunque le formazioni dobbiamo incontrarle tutte, quindi alla fine cambia poco».
Gli aranciocelesti esordiranno in trasferta contro il neopromosso Campofilone; il debutto casalingo coincide invece con la sfida alla Monteprandonese. Ripa e Acquasanta saranno le avversarie di terza e quarta giornata. «I primi quattro impegni sono alla nostra portata», ha commentato Mascitti – anche se le squadre da battere sono Ripa, Sangiorgese, Porto d’Ascoli e Stella. Formazioni quali Comunanza e Juventina possono rivelarsi delle outsider».
Gli unici assenti all’esordio saranno Ciccolini, squalificato, e Balletta, che lamenta problemi al ginocchio. L’attaccante acquavivano ne avrà per altri quindici giorni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 385 volte, 1 oggi)