SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ribadisco la piena fiducia a mister Calori. Il suo ruolo non è in alcun modo in discussione. La Sambenedettese in questo momento ha bisogno soltanto di sostegno e non di inutili illazioni volte a destabilizzare la società, lo staff tecnico e la squadra». Firmato Giovanni Tormenti.
Il presidente rossoblu dunque, dopo le prime due sconfitte che hanno inaugurato (si fa per dire) la nuova stagione, difende a spada tratta la Samb edizione 2006-2007, formazione rinnovatissima che dovrà calarsi nella mentalità più adatta ad un torneo ostico e pieno di insidie come quello di C1.
I primi due ko per mano di Perugia, al Curi, e Taranto, al Riviera, hanno dato adito alle prime ipotesi riguardo un possibile cambiamento di conduzione tecnica. Nella fattispecie è stato fatto il nome di Marco Cari, l’anno passato sulla panchina del Teramo. «Non conosco l’ex allenatore della Fermana e non ho mai dato incarico ad alcuno di visionare la squadra», ha replicato seccamente, in una nota diffusa dal solalizio di Viale dello Sport nel primo pomeriggio, il presidente rossoblu. Che ha concluso: «Ringrazio invece i nostri tifosi; nonostante i loro problemi interni hanno saputo esserci vicini col calore che li contraddistingue da anni».
Il direttore sportivo Peppino Pavone rafforza il concetto: «Siamo qui da appena due mesi, non certo da due anni, la città, i tifosi, i giornalisti, tutti devono avere pazienza. Dobbiamo dare tempo a questi ragazzi di crescere. Lo ripetiamo: quello appena iniziato è un anno zero, non si può avere tutto e subito». Il diesse pugliese taglia corto anche in merito ad un possibile intervento da parte della società per rafforzare la squadra attingendo al mercato degli svincolati. «Per almeno sei o sette domeniche, o forse anche qualcosa in più, vogliamo valutare attentamente l’organico che abbiamo a disposizione, che peraltro riteniamo valido».
«Non bisogna solo guardare avanti, ma anche indietro – conclude Pavone in riferimento ai mesi, tribolatissimi, che la società della Lancetta si è lasciata alle spalle – Sappiamo tutti da dove siamo partiti, quindi dopo due sconfitti, con un intero campionanti ancora da disputare, non occorre fare drammi».
COPPA ITALIA: VERSO SAMB-ANCONA Seduta pomeridiana per la Samb alla vigilia della gara di Coppa Italia contro l’Ancona – al Riviera si comincia alle ore 17 (i prezzi: 5 euro per la curva, 10 per la tribuna). L’incontro, che pure non ha nessun significato, visto che le due squadre sono fuori dai giochi – si contenderanno il passaggio del turno il Foligno, a quota 7 punti nella graduatoria generale del girone G, e il San Marino, a quota 5, che sfiderà il Gubbio – servirà comunque a mister Calori per provare nuove soluzioni.
Fermi Santoni (leggermente affaticato) ed Esposito – lamenta uno stiramento all’inguine la cui entità andrà valutata attentamente – è probabile che contro i dorici vedremo in campo Varriale sull’out sinistro (completeranno il pacchetto arretrato Tinazzi, Landaida e Diagouraga), mentre a centrocampo agirà il trio Della Rocca-Fanelli-Iovine. In avanti Morante, alla ricerca della migliore condizione, sarà affiancato da Olivieri e Carlini. A difendere i pali della porta rossoblu Chessari.
L’ex attaccante del Palermo Pietro Tripoli intanto è stato convocato dalla Nazionale Under 20 di C.
500 BIGLIETTI PER LANCIANO La Samb ha fatto richiesta alla società frentana di una dotazione pari a 500 tagliandi per la gara d domenica prossima. Gli stessi dovrebbero giungere in Riviera nelle prossime ore e saranno a disposizione dei tifosi rossoblu negli abituali punti vendita a partire da giovedì – 200 al Bar Affinity e i restanti 300 equamente divisi tra la libreria Nuovi Orizzonti e il Samb Point di via Crispi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.078 volte, 1 oggi)