SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ho ritrovato, grazie al CONI, un documento relativo ad una corsa storica che nel 1906 si tenne da Ascoli a Porto d’Ascoli. Mi è allora venuta l’idea di una maratona che unisse Ascoli e San Benedetto. Ci stiamo lavorando ormai da più di sei mesi, speriamo che possa diventare una risorsa, duratura, del territorio. L’obiettivo principale è quello di vincere la datata rivalità fra le due città».
Così l’assessore allo Sport provinciale Nino Capriotti, nel corso della presentazione avvenuta stamane nella sala consiliare del Municipio, della Ascoli-San Benedetto, gara podistica che si svolgerà il prossimo 24 settembre e che coinvolgerà altri sette Comuni del territorio, vale a dire Appignano del Tronto, Castel di Lama, Castorano, Colli del Tronto, Monsampolo del Tronto, Monteprandone e Spinetoli. L’organizzazione è stata invece curata dalla Polisportiva Porto 85 e dal Centro Marcia Solestà di Ascoli Piceno, le quali si sono avvalse della collaborazione di altre società come l’Ascoli Marathon, la Comodo Sport, la Flipper Triathlon, l’Avis Spinetoli Pagliare e la Nuova Podistica di Centobuchi.
La gara si articolerà sulla distanza di 32 chilometri, percorsi quasi interamente sulla strada Salaria, per l’occasione chiusa al traffico. Il ritrovo è fissato per le ore 7,30 a Piazza del Popolo di Ascoli, mentre la partenza avverrà da Piazza Arringo alle 9; l’arrivo è infine previsto alla Rotonda Giorgini di San Benedetto. Si prevede la partecipazione di almeno 500 atleti, alcuni dei quali ci caratura internazionali, come la campionessa italiana e oro a squadre agli Europei di Goteborg Marcella Mancini, gli azzurri Rosaria Console, Romeo Pagliacci e Daniele Caimmi. Principale sponsor dall’evento infine sarà la Provincia di Ascoli, ma importanti saranno anche i contributi dei Magazzini Gabrielli, di Radio Azzurra, delle Poste Italiane e della Puma.
Il sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari ha tenuto a ringraziare l’assessore Nino Capriotti. «Ho accettato volentieri la sua idea, la volontà di rispolverare una antica tradizione, allo scopo di unire e rinsaldare il rapporto di due città molto rivali anche e soprattutto sul piano sportivo. Questa maratona ha un’importanza straordinaria non solo dal punto di vista figurativo, ma anche per lo stesso territorio; noi tutti, e ringrazio la notevole partecipazione delle amministrazioni del comprensorio, vogliamo scommettere anche su un turismo di tipo sportivo».
«Ci impegniamo fin da adesso – ha concluso Gaspari – a partecipare quantomeno alla fase iniziale e a quella finale della maratona, proprio per dimostrare la nostra vicinanza e la soddisfazione per quella che si preannuncia come una giornata di festa».
Alla presenza dei sindaci delle varie località, unitamente ai presidenti delle associazioni sportive, all’assessore allo Sport di San Benedetto Eldo Fanini e al presidente provinciale FIDAL (Federazione Italiana ) Francesco Silvestri, Nico Stallone, assessore allo Sport di Ascoli, ha parlato in rappresentanza dell’amministrazione della città delle Cento Torri. «Sono felice per le parole spese dal sindaco di San Benedetto. Le amministrazioni di tutto il Piceno hanno cercato di collaborare allo scopo di abbattere le barriere e forgiare un’unica cultura sportiva. Il vero sportivo è quello che supera il campanilismo o che al limite lo vive solo attraverso lo sfottò; spero davvero che questa manifestazione possa diventare una tradizione e sappia mettere radici anche a livello nazionale».
Ricordiamo infine che le iscrizioni sono ancora possibili attraverso il sito internet www.porto85.it o telefonando ai numeri 335.6119222 e 334.3125756, oppure inviando un fax (0735.650875 e 0736.3414444).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 986 volte, 1 oggi)