MONSAMPOLO DEL TRONTO – Due persone sono finite in manette negli ultimi giorni a Monsampolo del Tronto e Spinetoli per non aver rispettato altrettanti provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale. Il primo arresto, effettuato domenica scorsa dai Carabinieri della stazione locale, ha riguardato una cittadina bulgara di 28enne, burocraticamente definita “peripatetica” in una nota diffusa dai militari. Sulla donna pendeva un provvedimento di espulsione emesso dal prefetto di Milano il 5 agosto. La donna è stata associata alla Casa circondariale di Teramo.

Analoga operazione è stata compiuta la scorsa notte a Spinetoli. I carabinieri di Monsampolo hanno tratto in arresto il 33enne cittadino marocchino F.O., tossicodipendente. I militari, in seguito ad un ordinario controllo, hanno accertato che l’uomo non aveva rispettato un decreto di espulsione dal territorio nazionale emesso dal prefetto di Teramo lo scorso 16 giugno. L’uomo è stato tradotto nella Casa circondariale di Marino del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 360 volte, 1 oggi)