SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alleanza Nazionale non molla la presa sulla Sanità. Dopo gli interventi di Benito Rossi e Guido Castelli, è il consigliere comunale Giorgio De Vecchis a tenere alta la guardia sulla richiesta di un’inversione di tendenza per il comparto sanitario locale. L’esponente di An annuncia di voler dar seguito alla mozione sottoscritta nella passata legislatura dal Consiglio comunale e chiede al Sindaco Gaspari di far sentire la voce dell’Amministrazione comunale in Regione: «Si assuma la responsabilità di sostenere un cammino sino ad arrivare a battere fisicamente i pugni sui tavoli della Regione Marche, al fine di recuperare la mobilità passiva, determinare le condizioni affinché giungano presso il nostro nosocomio eccellenti professionalità mediche capaci di integrare e sostenere le migliori esistenti, ottenere maggiori incentivi economici dalla Regione Marche al fine di acquistare efficienti apparecchiature tecnologiche».
De Vecchis invita il primo cittadino ad esercitare il ruolo di capofila dei Comuni della Zona territoriale 12 «con l’obiettivo di recuperare maggiore credibilità della Sanità locale utilizzando i canali politici appartenenti al suo colore politico Regionale. Quindi non più succubi della politica sanitaria regionale del centrosinistra ma rilanciare il ruolo sanitario di Comune capofila attraverso uno sforzo collettivo delle forze politiche».
Dal consigliere di An giunge, infine, un appello al nuovo dirigente della Zona Territoriale 12: «Invito il dott. Petrone a mettere mano al più presto alle situazioni che ostacolano le normali attività assistenziali. Alleanza Nazionale si aspetta molto da lui, per tutto ciò che egli potrà fare sempre nella linea di un’inversione di tendenza, utilizzando uomini e mezzi necessari allo scopo di un miglioramento della qualità sanitaria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 327 volte, 1 oggi)