PERUGIA – Quando si dice l’inesperienza. La Samb, alla prima di campionato sul terreno dell’ambizioso Perugia, fa quasi tutto bene sino a un minuto dalla fine. Poi capita che Andrea Esposito, autore fino a quel momento di una bella prova, commette una di quelle ingenuità che, inevitabilmente, finiscono per compromettere la partita: Bernini gli va via sul fondo, appena dentro l’area di rigore rossoblu; il centrale marchigiano lo stende. L’arbitro Valeri indica il dischetto. Negli spogliatoi Alessandro Calori promuove comunque – giusto così – i suoi ragazzi. «Sono contento di come si sono comportati. Hanno giocato con grande coraggio, nonostante di fronte avessero una delle prime delle classe che, sono convinto, fino all’ultimo lotterà per il successo finale. Ho visto, alla fine, qualcuno dei miei ragazzi piangere: ci tenevano molto».

«Sono orgoglioso di questa Samb – ha continuato il tecnico rossoblu – Siamo stati attenti, concentrati, vogliosi di fare risultato; avessimo avuto un pizzico di malizia in più, ci saremmo riusciti. Torno a casa comunque consapevole che posso contare su un gruppo valido che è destinato a crescere. L’unica nota stonata della gara alla fine è il risultato». Il rigore che ha deciso il match; domanda inevitabile: c’era? «Non ho visto bene, in ogni caso credo potesse starci. Esposito fino a quel momento aveva fatto una gara perfetta. Da ex difensore centrale volevo consolarlo. Tutti abbiamo fatto molto bene dal punto di vista tattico, poi è normale che può starci l’errore tecnico».

Dopo aver ringraziato la gente di Perugia – «Mi hanno accolto benissimo» – l’ex difensore del Grifo torna a precisare: «Ho ricavato note positive da un po’ tutti i reparti. Attacco spuntato? Non credo: ci siamo aiutati molto, riuscendo a contenere il loro centrocampo e a imbavagliare Albino, il loro faro». In definitiva: l’impatto col torneo è stato meno traumatico del previsto. «L’avevo detto – sottolinea Calori – Ci saremmo fatti rispettare e così è accaduto. Piuttosto mi rammarica molto il fatto che subito prima del gol abbiamo sbagliato una grossa occasione con Morante. Come spesso capita nel calcio, certi errori poi si pagano».

Corrado Benedetti, sulla panchina del Perugia, riconosce i meriti della Samb. «L’avevo detto nei giorni scorsi ai miei ragazzi: ci sarà da soffrire contro la Samb. I rossoblu si sono difesi molto bene, ripartendo in contropiede e noi abbiamo fatto fatica anche per colpa del gran caldo. Bravi comunque a crederci fino alla fine, ritengo che nel complesso la vittoria sia meritata».

RIPRESA La Samb, dopo una giornata di riposo, nel pomeriggio di martedì riprenderà la preparazione in vista della gara di domenica prossima contro il Taranto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 864 volte, 1 oggi)