SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Denuncia il furto della propria auto ma in realtà conosceva i ladri. Davvero insolito quanto accaduto nel tardo pomeriggio di oggi a San Benedetto. Erano le 19.30 quando un giovane serbo, il 22enne Z.K., che si trovava in Piazza Setti Carraro, alla vista di un pattuglia dei Carabinieri di San Benedetto ha riferito ai militari di aver subito pochi istanti prima il furto della sua auto, una Ford Fiesta bianca. L’extracomunitario ha cercato quindi di tracciare una descrizione dei presunti ladri.

Raccolta la segnalazione, l’auto dei carabinieri si è lanciata subito all’inseguimento della vettura sottratta al giovane. I militari sono riusciti a rintracciarla nel giro di pochi minuti: si trovava a Porto d’Ascoli, parcheggiata sulla Statale 16, non lontano dall’incrocio con la Salaria. Dei presunti ladri, però, nessuna traccia.

Tutto risolto con il ritrovamento dell’auto? Niente affatto. Stando a quanto riferito successivamente dall’uomo derubato, è risultato che il giovane conosceva i rapinatori. Naturalmente il fatto ha insospettito i militari, che ora stanno cercando di approfondire la vicenda per comprendere quali rapporti legassero la vittima e gli autori del furto e i reali motivi della denuncia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 627 volte, 1 oggi)