SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le giornate si accorciano, le spiagge si svuotano e si inizia a parlare di bilanci.
Forse per merito di un luglio tropicale o di una costante e capillare campagna di promozione del Piceno, la nostra provincia conquista il primato turistico nelle Marche. Dati Eurispes alla mano, il Presidente Camillo Di Monte sembra soddisfatto, soprattutto nel valutare l’esattezza dei dati previsionali che al debutto della stagione sembravo troppo pretenziosi e ottimistici.
L’Assessore al Turismo Avelio Marini sottolinea invece l’importanza del dato di permanenza media del turista sia italiano che straniero, superiore di 1,5 giorni rispetto a quello regionale nonché nazionale.
«E’ la permanenza che fa il reddito non il numero d’arrivo di visitatori – continua Marini – se decidono di restare a lungo è perché nel Piceno si vive bene anche se per la presentazione dei dati qualitativi bisogna aspettare Settembre».
A ciò si aggiunge ulteriore soddisfazione se si pensa al piazzamento tra i primi posti del nostro mare nella classifica nazionale di Goletta Verde, impegnata a testare la qualità delle acque.
D’interesse appare anche il ritratto del turista tipo di questa stagione: più giovane, spesso straniero, più in gruppo e meno in famiglia.
L’Assessore Marini manifesta l’interesse della Provincia nell’alimentare il turismo delle famiglie.«Si parla di processo di fidelizzazione – dichiara – e se questo arriva da parte delle famiglie dimostra che il posto scelto garantisce sicurezza e tranquillità».
Viste le cifre in crescita, la scommessa appare vinta anche per gli imprenditori turistici, settore creduto in crisi e invece in netta risalita, prova che la tipicità italiana della gestione familiare di tali attività fa sentire a casa e quasi protetti i nostri vacanzieri.
Insomma il messaggio pare chiaro: il Piceno piace per la qualità di vita e di paesaggi che offre, per la tipicità delle manifestazioni paesane e per la qualità della nostra enogastronomia.

Al bilancio si accompagnano le promesse: miglioramento dei servizi, probabile creazione di navette che agevolino i turisti nello spostamento dalla costa all’entroterra ricco di eventi, costanza nella promozione del Piceno nelle grandi città anche in inverno, presenza nei grandi canali di diffusione (domani mattina la nostra costa sarà ospite di Uno Mattina Estate), lavorare per una pubblicizzazione diversificata (offerte per giovani e per famiglie), partecipazione a grandi fiere (a Settembre il Piceno sarà presente a Rimini Natura) e soprattutto collaborazione degli operatori turistici, impegnati a garantire la tipicità dei nostri piatti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 850 volte, 1 oggi)