SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un secondo “caso” De Rosa? Più o meno sì, almeno stando alle dichiarazioni di Giovanni Pompei. La punta sambenedettese, in prova alla Samb dallo scorso 1° agosto, stamane ha lasciato il ritiro di Tortoreto, dove la comitiva rossoblu sta preparando l’esordio in Coppa Italia (a Foligno).
«Pavone mi ha detto che non mi avrebbero messo sotto contratto – si sfoga Pompei – e che punteranno su altri giocatori. Il mister da tempo mi ha confessato il suo gradimento; fosse stato per lui sarei restato, ma siccome i contratti non può farli… Non so perchè, ma Pavone sin dal primo giorno di ritiro non mi ha voluto».
Pompei passa poi a svelare i retroscena degli ultimi giorni di trattativa. «Cinque giorni fa mi hanno proposto un contratto, annuale. Premetto che avrei accettato anche un accordo di mese in mese pur di giocare nella Samb; ho rifiutato persino altre offerte (quella della Sangiovannese, ndr). Poi si sono presi un po’ di tempo per parlarne col presidente. Visto che ancora Pavone non mi aveva detto nulla, stamattina sono andato a chiedergli novità. La risposta? Ripeto: vuole puntare su altri giocatori».
«Sono molto deluso – ha concluso l’attaccante sambenedettese – deluso, naturalmente, da questa persona. Per ora mi prendo un po’ di giorni di relax, poi spero di trovare un’altra squadra. Mi auguro che i Tormenti, che mi sono sembrati seri e capaci, si rendano conto della persona che hanno in società. Spero aprano gli occhi. Io stesso ho dovuto ricredermi: queste cose me l’avevano già dette Zanetti e De Rosa».
LE DICHIARAZIONI DI CALORI «Vorrei che la cosa non venisse strumentalizzata – ha detto il tecnico aretino – Ho parlato col ragazzo: determinate cose le sappiamo io e lui. Punto. Questa decisione in ogni caso l’abbiamo presa io e Pavone; certe valutazioni, tecniche, ma non solo, perchè occorre valutare tutto un insieme di aspetti, si fanno insieme».
LA REPLICA DEL PRESIDENTE Se Peppino Pavone preferisce non alimentare la polemica, trincerandosi dietro un «No comment», Gianni Tormenti non si tira indeitro e, in proposito, rivela il proprio pensiero: «Non ho ancora parlato con nessuno – esordisce il titolare della Navigo.it – ma non entro nel discorso tecnico: la società ripone la massima fiducia in mister Calori e in Pavone. Siamo contenti di quello che hanno fatto sino ad ora. Le dichiarazioni di Pompei? Ognuno è libero di esprimere il proprio parere, ma mi sembrano fuori luogo e dettate dalla rabbia del momento».
ANGELETTI, PERUGINI E MATTIA SANTONI FUORI ROSA Intanto sono stati messi fuori rosa tre calciatori ereditati dalla precedente gestione, vale a dire i centrocampisti Angeletti, Perugini e Mattia Santoni, i quali finchè non troveranno un’altra sistemazione si alleneranno a parte.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.292 volte, 1 oggi)