ASCOLI PICENO – Formare “ambasciatori dell’immagine” del nostro territorio ed esperti a tutto campo di enogastronomia in grado di portare valore aggiunto e qualità in imprese, enti ed associazioni che operano nei tanti segmenti della filiera turistica locale: è questo l’importante obbiettivo che si propone il corso per “Tecnico superiore per la valorizzazione dei prodotti territoriali e delle produzioni tipiche”, progettato e promosso dall’Amministrazione Provinciale, che sarà attuato insieme a qualificati partners, non solo locali.

L’iniziativa è stata presentata stamane in provincia dall’assessore al Lavoro e Formazione Emidio Mandozzi, dal direttore del Centro Locale per la Formazione di Ascoli Piceno Luigi Leoni, dal funzionario progettista del corso Diana Agostini e dal coordinatore Roberto Simonetti.

Il corso, che prenderà avvio ad ottobre, si articolerà in 1400 ore di cui ben 400 saranno dedicate a stage applicativi non solo in imprese del territorio, ma anche fuori regione come l’�?Intenational Gourmet�? di Merano. L’intervento formativo, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo (FSE), dalla Regione Marche e dal Ministero dell’ Istruzione, vedrà operare in stretta collaborazione e sinergia il Centro Locale per la Formazione di Ascoli Piceno (ente gestore del corso), l’Istituto Superiore Ipsia “Sacconi�?e IPSST “Ceci�?, l’Università degli Studi di Perugia, il Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo e sulla Promozione Turistica di Assisi, la Scuola per il Commercio, Turismo e Servizi “L. Einaudi�? di Bolzano, il “Gourmet’s International�? di Merano e la Vinea di Offida.
“Particolarmente innovativo sarà il modulo denominato ‘laboratorio di simulimpresa’ che vedrà gli allievi impegnati ad organizzare e gestire un vero e proprio evento come una fiera o un mercatino�? ha dichiarato Diana Agostini.
“Grazie al corso sarà anche possibile conseguire crediti formativi riconosciuti a livello universitario�? ha spiegato Roberto Simonetti. Un’opportunità evidenziata anche dal direttore Leoni che ha sottolineato come “si tratti di una iniziativa didattica capace di coniugare al meglio turismo e ristorazione, due ambiti in cui il Centro Locale della Formazione di via Kenendy ha accumulato un’esperienza significativa�?.

I 20 partecipanti, di cui 10 donne, potranno conseguire professionalità e competenze di grande utilità come il certificato di sommelier rilasciato, previo esame, dall’AIS (Associazione Italiana Simmeliers) e valido a livello nazionale.
“Ringrazio la Regione Marche che ha messo a disposizione risorse importanti per questo corso strategico per qualificare il nostro comparto turistico – ha affermato l’assessore Mandozzi- a luglio abbiamo registrato un incremento delle presenze turistiche del 10-11 % rispetto agli anni precedenti, un trend incoraggiante che va sostenuto anche attraverso la formazione di operatori sempre più preparati e qualificati capaci di proporre ai visitatori italiani e stranieri le straordinarie risorse del nostro territorio.“

Le domande di partecipazione al corso devono essere presentate, a mano o a mezzo raccomandata, entro mercoledì 6 settembre al Centro Locale per la Formazione –via Kennedey, 34 – 63100 Ascoli Piceno.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 216 volte, 1 oggi)