SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Queste iniziative dimostrano la voglia del territorio di stare vicino ad una squadra nella quale tutti ci riconosciamo da sempre. Torneremo ad incontrarci a breve per concretizzare quante più proposte possibile a suo sostegno».
Così il sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari, dopo l’incontro che stamane, lunedì 21 agosto, si è svolto presso la sala consiliare del Comune della città delle palme, e che ha visto protagonisti gli attuali propietari della Sambenedettese Calcio, unitamente ai primi cittadini di alcuni Comuni della costa e dell’entroterra. L’obiettivo? Collaborare, fattivamente, col sodalizio di Viale dello Sport, il quale dal canto suo intende “mettere radici”, in maniera “prepotente” (nel senso buono del termine) nel territorio.
Erano presenti il sindaco di Spinteoli Angelo Canala, di Offida Lucio D’Angelo, di Ripatransone Paolo D’Erasmo, di Cupra Marittima Giuseppe Torquati, il vicesindaco di Monteprandone Adriano Bordoni, l’assessore al Turismo del Comune di Acquaviva Picena Andrea Infriccioli. Tutti gli amministratori hanno garantito piena disponibilità.
I rappresentanti dei vari Comuni stanno valutando le modalità per mettere a disposizione della Samb i vari campi di calcio presenti sul territorio, per allenamenti o partite amichevoli durante il campionato. Nei prossimi giorni inoltre, gli stessi rappresentanti degli Enti locali faranno visita alla squadra, nel ritiro precampionato.
Verrà inoltre organizzata nei vari Comuni una serie di incontri tra i rappresentanti della Sambenedettese, gli amministratori, gli imprenditori e i cittadini, per promuovere la campagna abbonamenti. I fratelli Tormenti intendono formare una piattaforma, per comunicare con i tifosi via sms o via e-mail. Verrà inoltre studiata la possibilità di istituire Samb Point (vendita biglietti, punto informativo, e così via) negli stessi centri.
Agli imprenditori verranno anche proposti diversi pacchetti pubblicitari all’interno dello stadio, o attraverso i rotor (pannelli pubblicitari con immagine variabile, ognuno delle dimensioni di 5 metri per 1), sia con forme innovative, come distribuzione di materiale pubblicitario e messaggi diffusi attraverso fonica durante le partite in casa.
Allo studio anche la possibilità di promuovere il territorio della Riviera delle Palme (eventualmente con il coinvolgimento del Consorzio turistico) durante le 17 trasferte del campionato di serie C1/B che la Sambenedettese dovrà affrontare. Una delle ipotesi fatte è stata quella di offrire ai cittadini dei territori calcisticamente “avversari” week-end in uno dei Comuni del Piceno.
Allo stadio Riviera delle Palme verranno inoltre allestite almeno due aree hospitality, di 40 metri quadrati ognuna, come punti di incontro, nei quali gli amministratori hanno ipotizzato di offrire prodotti tipici.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 476 volte, 1 oggi)