GROTTAMMARE – Allo stadio Pirani, dove il Grottammare Calcio suda dalla scorsa settimana, c’è un cartello con su scritto “lavori in corso” grande così.
Non solo perchè i biancazzurri sono partiti con lieve ritardo dopo le note questioni societarie, ma anche perchè la dirigenza ha tutta l’intezione di prendere tempo e cercare con estrema oculatezza i tasselli necessari per il completamento dell’organico a disposizione del tecnico portosangiorgiese.
SERIE D, PARTENZA RITARDATA? Pare infatti quasi scontanto che, dopo i rinvii dei campionati di serie A e B, anche la D ritarderà la partenza, inizialmente prevista per il 3 settembre. Uno slittamento di almeno una settimana, se non addirittura due. Stesso discorso per la Coppa Italia. La Camera di Conciliazione del CONI infatti non si pronuncerà prima del 20 agosto in merito ai ricorsi presentati da Casale, Modica e Latina, club esclusi dalla D lo scorso 27 luglio, a causa della mancata presentazione delle liberatorie relative agli emolumenti da corrispondere ai propri tesserati al 30 giugno 2006. Tradotto: impossibile definire organici e, conseguentemente, gironi e calendari.
«A questo punto, visto che dalla Lega giungono voci in questo senso – esordisce Pino Aniello, diesse biancazzurro – vogliamo prenderci tutto il tempo per scegliere bene i giocatori che ci mancano, senza rischiare di avventurarci in decisioni affrettate. Se le indiscrezioni verrebbero confermate, il Grottammare ha fatto bene a radunarsi a inizio agosto».
IL PROGRAMMA DELLE AMICHEVOLI La comitiva agli ordini di mister Amaolo intanto, prosegue la doppia razione di allenamenti giornaliera, in vista della prima amichevole precampionato, che si disputerà domani pomeriggio (ore 17,30) allo stadio Comunale, contro il San Nicolò, compagine abruzzese neopromossa in Eccellenza) degli ex Moro e Canzanese. Già fissato peraltro il secondo test, vale a dire il triangolare che, in notturna, sabato prossimo, vedrà sempre sul terreno del Pirani lo stesso Grottammare, Sangiustese e Tolentino. Si tratta della consueta kermesse organizzata dalla Lega, il cui incasso andrà in beneficenza.
ALTRI DUE GIOVANI IN PROVA Ieri sono arrivati nelle Marche due giovani della Berretti del Benevento, la quale nel recente passato ha partecipato al Torneo di Viareggio. Si tratta del centrocampista, nonché capitano giallorosso Santangelo (classe ’87), e del difensore Pacilio (’88). «Ci hanno già fatto una discreta impressione – argomenta Aniello – Potrebbero insomma fare al caso nostro. Del resto avevamo avuto buone referenze sul loro conto».
«GROTTAMMARE MOTIVATO, DAL PRESIDENTE AL MAGAZZINIERE» Il direttore sportivo biancazzurro tiene poi a precisare un concetto. «Mi sembra di avvertire, attorno a questa squadra, delle critiche, magari sottili, in merito ad un organico che sarebbe troppo giovane e inadatto alla categoria. Non condivido questa tesi; non è detto che per allestire una buona squadra siano necessari calciatori di trent’anni e più. Il Grottammare che sta nascendo deve essere un gruppo motivato, dal presidente fino al magazziniere. Vogliamo solo persone che pensino positivo e che siano estremamente convinte delle potenzialità del gruppo».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 574 volte, 1 oggi)