SAN BENEDETTO DEL TRONTO – San Benedetto guarda a mercati ancora inesplorati per creare nuove prospettive all’economia locale e rilanciare il settore agro-alimentare. E’ questo l’aspetto più interessante dell’incontro che si è svolto questa mattina in Comune tra il sindaco Giovanni Gaspari e il numero due dell’ambasciata italiana in Vietnam, Samuela Isopi, sambenedettese doc, nata e cresciuta, come lei stessa ha precisato, a Porto d’Ascoli, quartiere Agraria.
L’ambasciatrice, dopo una brillante carriera universitaria culminata con la laurea in scienze politiche a Bologna, ha iniziato la carriera diplomatica al Ministero degli Esteri, per poi trasferirsi dal 2000 al 2003 a Sarajevo con l’incarico di vice ambasciatore italiano in Bosnia-Erzegovina. Dal giugno 2003 ricopre analogo incarico in Vietnam, ad Hanoi.
L’incontro è nato dalla conoscenza ventennale tra il sindaco Gaspari e il padre dell’ambasciatrice. «E’ stato un colloquio cordiale che mi ha dato la possibilità di salutare una nostra illustre concittadina» ha spiegato il primo cittadino.
«Geograficamente il Vietnam e San Benedetto sono lontane ma siamo nell’epoca della globalizzazione e ormai le distanze si accorciano sempre più. Si tratta di due realtà che dal punto di vista culturale e turistico possono avere molti interessi comuni».

Un’opportunità per stabilire un primo ‘contatto’ potrebbe essere rappresentata dalla ‘Settimana delle cultura italiana nel mondo’, che si svolgerà a fine ottobre e che quest’anno avrà come tema portante la cucina. «Ne abbiamo parlato nell’incontro odierno. Al momento è solo un’idea ma potremmo valutare seriamente la possibilità di andare in Vietman con una delegazione cittadina portando i prodotti tipici del nostro territorio. Penso, ad esempio, all’olio, alla pasta e al vino. Insomma, credo sia possibile, in prospettiva futura, instaurare dei proficui rapporti di collaborazione tra i nostri paesi. In particolare, si potrebbe avviare un discorso per lo sviluppo del comparto agro-agrolimentare e della pesca».

In sintonia con il sindaco, l’ambasciatrice Samuela Isopi: «La settimana delle cultura italiana del mondo può essere un’opportunità interessante, una sorta di vetrina per le tipicità del Piceno che può consentire di allacciare rapporti e stimolare interessi reciproci in prospettiva futura. Il Vietnam è in questo momento una delle economie più dinamiche a livello mondiale ed è aperto a nuove esperienze e conoscenze. Abbiamo già diversi imprenditori marchigiani che operano nel settore agro-industriale e tessile e credo che ci siano ancora grandi possibilità di sviluppo».

All’incontro tra Gaspari e l’ambasciatore ha partecipato anche Italo Cocci, imprenditore piceno che di recente ha aperto un agriturismo a Pechino, avviando un’interessante attività d’interscambio con il mercato orientale: «E’ un’opportunità concreta che è necessario cogliere per rilanciare soprattutto il comparto agroalmentare della nostra zona. Anche le istutuzioni debbono essere pronte di fronte a questa possibilità»

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.400 volte, 1 oggi)