GROTTAMMARE – Lasciate alle spalle settimane di indecisioni – Pignotti resta o se ne va? – e dopo un ulteriore ritardo di qualche giorno, parte la stagione del Grottammare Calcio. I biancocelesti, in tutto 25 effettivi (meno il portiere Di Salvatore, ancora alle prese col gesso alla gamba sinistra), si sono ritrovati alle ore 16 allo stadio Pirani.
Appena tre i volti i nuovi: l’attaccante del Porto d’Ascoli, classe 1988, Andrea Di Felice, l’estremo difensore, l’anno passato al Borgorosselli, Valerio Coccia (’89) e l’ex centrocampista del Calangianus Ettore Ionni. Per il resto tra riconfermati – Del Moro, (il difensore dovrà però risolvere problemi di natura lavorativa), Puglia, Pulcini, il citato Di Salvatore, Oddi, Davide Traini, Puglia e Vergari – calciatori rientrati dai prestiti (Binari e Deogratias dalla Valtesino e Vinciguerra e Baggio dalla Rosetana) e giovani che dal settore giovanile sono stati “promossi” in prima squadra – il portiere Addazzi, i difensori Simone Traini, Piccirilli, Novelli e Vecchiotti; i centrocampisti Paoletti e Travaglini e gli attaccanti Assenti e Pasquini – il gruppo presenta molte facce giovani.
Da segnalare peraltro altri due ragazzi in prova: Michele Di Ruscio, centrocampista di 21 anni, cresciuto nelle giovanili del Siena e in passato all’Urbisaglia e all’Elpidiense; e il difensore Giacomo Puma, classe ’88, l’anno scorso con la maglia del Ragusa. Per la prossima settimana sono attesi altri due giovani in prova, vale a dire un difensore e un centrocampista della formazione Berretti del Benevento.
«Servono soprattutto un difensore e un attaccante – ha detto il direttore sportivo Pino Aniello – Contiamo molto sui giovani nostri e su quelli che abbiamo e avremo in prova, visto che dalla loro hanno ottime referenze. Starà poi allo zoccolo duro della squadra aiutarli a crescere». L’impressione, in ogni caso, nonostante le parole del dirigente biancoceleste, è che per essere competitivo questo Grottammare ha ancora bisogno di elementi di una certa esperienza. Specie nel reparto avanzato.
MISTER AMAOLO DECISO A FARE BENE Sembra essere d’accordo Daniele Amaolo, per il secondo anno consecutivo sulla panchina biancoceleste, dopo l’esperienza (tre campionati) al Morro d’Oro, che prima di scendere in campo per il primo allenamento della stagione, ha avuto un colloquio, nel chiuso dell’ufficio della sede, con il presidente Pignotti. «Se il presidente ha detto che ai nastri di partenza troveremo un Grottammare competitivo, conoscendolo, non faccio fatica a credergli. Certo la squadra al momento è giovane e incompleta. Ci servono almeno quattro giocatori: un difensore, un centrocampista e due punte. Sarà fondamentale, soprattutto per i più inesperti, un’ossatura di squadra che, al momento, probabilmente non abbiamo. Purtroppo stiamo facendo i conti con un mercato piuttosto difficile. Vogliamo gente motivata, che venga a Grottammare con il giusto piglio. Peraltro partiamo con ritardo di almeno due settimane: sicuramente pagheremo dazio all’inizio; contiamo di essere, dopo due o tre gare, al 70-80%»
A coadiuvare Daniele Amaolo ci sarà, come l’anno passato, il preparatore dei portieri Gianfranco Beni.
Nel dettaglio riportiamo l’elenco completo dei giocatori a disposizione del tecnico di Porto San Giorgio.
Portieri
Addazzi, Coccia, Di Salvatore
Difensori
Pulcini, Oddi, Del Moro, Costanzo, Piccirilli, Vecchiotti, Novelli, Traini Simone, Puglia, Puma
Centrocampisti
Vergari, Traini Davide, Paoletti, Ionni, Vinciguerra, Deogratias, Di Ruscio, Travaglini, Baggio
Attaccanti
Di Felice, Assenti, Pasquini

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 945 volte, 1 oggi)