CUPRA MARITTIMA – Primo giorno di scuola per la Cuprense nel tardo pomeriggio di ieri. I gialloblu arrivano alla spicciolata presso il campo sportivo Fratelli Veccia di Cupra. Presente l’intera dirigenza capitanata dall’insostituibile Basilio Caporossi, emozionato per questa avventura che sta per cominciare.
Il tecnico Luca Fermanelli, il primo ad indossare la divisa sportiva, era già a predisporre sul terreno di gioco paletti e dischetti per la prima seduta di allenamento. Una giornata di lavoro molto leggera che verrà intensificata nel corso delle settimane a venire. Assente Nasini, tornerà disponibile il 4 agosto.
Gianfranco Parlato, uno dei volti nuovi di questa Cuprense, esprime le sue prime impressioni: «Ho avuto un colloquio con il presidente: era impossibile dirgli di no. Dopo tanto girovagare, volevo avvicinarmi a casa (il difensore è di Grottammare, ndr), così ho accettato. Metterò a servizio della squadra la mia esperienza, c’è la voglia di far bene. Sono emozionato per questa avventura, devo ancora conoscere i compagni e la nuova realtà. Sono sicuro che faremo un bel campionato».
Di fianco c’è l’altro nuovo arrivo, Aurelio Paoletti, ex Valtesino, giovane di belle speranze. «Ho scelto Cupra perché è una società seria. Spero di far bene. Mi sento di dare tanto a questa squadra nonostante abbia solo vent’anni. Sono un ragazzo che non si tira mai indietro».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 706 volte, 1 oggi)