RIPATRANSONE – Erriquez, voci e chitarra acustica ritmica; Finaz, chitarra virtuosa e cori; Donbachi, contrabbasso e basso; Orla, chitarra elettrica e tastierine; Nuto, batteria; Ramon, percussioni, tromba e voci; Cantax, preproduzione.

Sono i Bandabardò, un nome, una storia, un manifesto.Nascono nel giorno della donna, l’8 marzo 1993 per/grazie alla convinzione che sarebbe bello e divertente portare su un palco la stessa atmosfera di festa che si instaura nelle cantate tra amici, quando stonati e intonati uniscono le voci in canti senza fine, per il puro divertimento.

Dopo sei dischi, molti tour e concerti, la band è rimasta sempre fedele a quella convinzione iniziale. A cui si è aggiunto anche un manifesto politico: «Siamo per la rivalutazione dei rapporti umani, dei miscugli razziali e culturali. Lottiamo per un mondo a misura di donna e di bambino e per vedere un giorno trionfare allegria e gentilezza. »

Ritmo, vitalità e pulizia dei suoni per questi ottimi musicisti e cantanti che negli anni hanno saputo mantenere la loro linea senza diventare troppo commerciali, come spesso purtroppo richiede il mondo musicale. 

Il concerto della Bandabardò rientra nella rassegna Summer Festival.
Venerdì 28 luglio 21:45
, Corte Medievale di Ripatransone. Ingresso 10 euro.
La foto è di Marzia Lami ed è stata scattata ad un concerto a Roma

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.120 volte, 1 oggi)