SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Verrà realizzato un punto mensa nella scuola primaria Colleoni, che servirà per le quattro classi a tempo prolungato che verranno trasferite dalla scuola Alfortville. Ottimizzeremo gli spazi cercando di non creare disagi ai bambini, alle famiglie e al corpo docente». Lo ha affermato l’assessore Margherita Sorge, precisando che i lavori per realizzare il refettorio partiranno nel più breve tempo possibile. Al posto dell’attuale teatrino della scuola Colleoni, dunque, ci sarà un punto per la distribuzione dei pasti ai bimbi della scuola primaria e a quei ragazzi della succursale della scuola media “Cappella” che ne potranno usufruire nei giorni in cui avranno il rientro pomeridiano.

Si cerca così di risolvere l’annoso problema del sovraffollamento della scuola Alfortville, che aveva creato alcune polemiche nello scorso aprile. La scuola Colleoni viene definita “un gioiello” e dovrà quindi subire un piccolo sacrificio per accogliere quattro nuove classi. L’assessore Sorge assicura che «verrà fatta una selezione accurata per formare le classi che arriveranno alla Colleoni. E’ probabile che si tratterà di sezioni del primo anno, in modo che non si creeranno problemi di spaesamento ai bambini, che non dovranno cambiare la classe e per i quali verrà organizzato un servizio di scuola bus». Inoltre la cucina della scuola Alfortville, che presumibilmente preparerà i pasti per la Colleoni, verrà potenziata mediante l’acquisizione di nuovi macchinari e utensili. Sulla spesa necessaria non si fanno ancora previsioni, ma non si dovrebbe trattare di un onere ragguardevole. Si può dedurre che sarà utilizzata una parte dei fondi appositi presenti nell’avanzo di bilancio 2005, rappresentati dai 3000 euro stanziati per la manutenzione delle scuole e dagli 8000 euro che sono il contributo a tutti i circoli didattici.

Per quanto riguarda la cucina dell’asilo in via Togliatti, si manterrà lo status quo in attesa di consistenti soluzioni future, cioè un ampliamento del plesso. I bimbi continueranno a mangiare i pasti preparati nella cucina del Paese Alto ma il Comune ha preso l’impegno di vigilare attentamente sulla qualità dei cibi e sull’efficienza della distribuzione, visto che in passato i genitori hanno protestato per i pasti freddi. L’asilo di via Togliatti verrà ampliato a medio termine, progetta il Comune, vista l’espansione demografica e urbanistica del quartiere Marina di Sotto. Di conseguenza non si reputa conveniente spendere fondi ora per la cucina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 430 volte, 1 oggi)