SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Davanti a poche decine di spettatori, e, soprattutto, sotto un sole africano, si è aperta la prima fase dell’Eurolega di beach soccer, competizione che si svolgerà sino a mercoledì prossimo sulla sabbia del Beach Stadium, l’impianto allestito sul lungomare Marconi di San Benedetto, e che segue la penultima tappa del raggruppamento nord del campionato italiano, il quale giusto ieri ha concluso la tre giorni in riva all’Adriatico.
Otto le nazioni in gara; solo quattro però, al termine delle quattro tappe di qualificazione (dopo San Benedetto Tignes, Palma de Mallorca e Portimao), avranno diritto di accedere alla fase finale che si terrà dal 25 al 27 agosto a Marsiglia.
In attesa di vedere all’opera l’Italia di Massimo Agostini – alle 18,30, contro la Grecia – Portogallo e Polonia, alle 14,30, hanno ufficialmente dato il là alla manifestazione, la prima che si svolge in Italia.
Dopo il consueto balletto delle Sinergie, le ragazze del beach soccer nostrano, la presentazione delle squadre e gli inni nazionali. Quando restavano pochi minuti da giocare nel primo tempo, il risultato era inchiodato sul 2-2.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 597 volte, 1 oggi)