MONTEPRANDONE – Capelli cortissimi e abbronzatura ad hoc. L’umiltà invece è quella di sempre. Giuseppe De Amicis è pronto a ripartire. Archiviata la prima esperienza da allenatore – e che esperienza: al primo colpo è arrivata la promozione – l’ex difensore di Celano e Teramo si appresta a vivere un’avventura chiamata serie D. «Una categoria ostica – avverte – Dovremo dare ancora di più rispetto alla stagione passata. Obiettivi? Mi sembra presuntuoso parlarne. La società comunque non mi ha chiesto niente; mi ha messo nelle condizioni migliori per poter lavorare, dunque ritengo che si aspetterà delle soddisfazioni»
«Abbiamo tanti giovani in squadra – ha proseguito De Amicis – molti di loro saranno alla loro prima esperienza in D. Altri li dobbiamo ancora valutare. L’unico elemento di categoria è Giorgi Galli, giocatore esperto che può darci quel pizzico di esperienza in più che ci mancava».
Galli, l’anno passato prima al Calangius, poi ad Orvieto (8 le reti realizzate in Umbria), si dice contento del ritorno al Centobuchi, dove tre stagioni fa segnò 11 gol, disputando un’ottima stagione. «Torno qui sperando di fare bene: debbo riscattare un’annata non propriamente positiva, a causa di alcuni fastidi al ginocchio che a inizio stagione mi hanno fatto soffrire molto. Ho davvero molti stimoli. Mi hanno parlato molto bene di questa squadra, so che è rimasto lo zoccolo duro e credo che la società abbia fatto bene a riconfermare il gruppo. Vedo peraltro molti giovani: anche loro dovranno dare un bel contributo».
E a proposito di giovani, alla corte di mister De Amicis, dopo giorni di indecisione, è arrivato anche Giuseppe Adamoli, centrecampista di 19 anni, vera rivelazione l’anno passato nelle fila del Grottammare. «Alla fine ho optato per il Centobuchi – ha rivelato il giocatore – Ero molto legato a mister Amaolo, ma la società non si è più fatta sentire. Sono qui dunque, il contratto mi resta solo da firmarlo. Conosco molti dei ragazzi del gruppo: giocavamo insieme nelle giovanili dell’Ascoli. Penso che la squadra abbia buone potenzialità; non vedo l’ora di iniziare».
Grandi motivazioni anche per Nicolò Nepi, altro prodotto del vivaio bianconero. «Sono molto contento di iniziare questa nuova avventura – ha argomentato l’ex centrocampista del Cecina – Spero di conquistarmi un posto da titolare, sono venuto per questo. Sono tra l’altro reduce da una stagione così così. Ho giocato poco, collezionando una decina di presenze. A Centobuchi intendo dimostrare quello che valgo. La società? Mi sembra seria; ci sono tutti i presupposti per fare bene».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 786 volte, 1 oggi)