«La Regione Marche ha avuto coraggio, ha saputo, in poco tempo, svolgere un’azione di coordinamento, di concertazione con gli enti locali. In questi casi è indispensabile la velocità delle decisioni, non solo per non rischiare di perdere i finanziamenti, ma anche per evitare che i progetti diventino obsoleti». Così l’Amministratore Delegato della Società Autostrade Giovanni Castellucci, nel suo intervento per illustrare l’intero Progetto di ampliamento dell’A14, che da Rimini arriverà a Pedaso, per il momento con l’ok definitivo del tratto fino a Porto Sant’Elpidio.
Questi i tempi: la progettazione esecutiva entro il 2006; l’inizio lavori a gennaio 2007; l’apertura al traffico nel 2010. 171,41 chilometri, tutto il tratto marchigiano, per un importo complessivo di 1.762.000.000 di euro.
«Le Marche voltano pagina» ha detto Spacca con soddisfazione. «Hanno iniziato a programmare una seria e realistica politica delle infrastrutture. Non un libro dei sogni, ma realizzazioni concrete, che consentiranno alle Marche di recuperare il deficit accumulato in questo settore. L’ammodernamento dell’A/14 è un tassello strategico nel disegno di logistica integrata, che la Regione sta perseguendo con tenacia e determinazione, a vantaggio di tutta la comunità, per l’aumento della competizione del Sistema-Marche e la sicurezza dei cittadini.»
Manca l’ultimo tratto Sant’Elpidio-Pedaso, che verrà definito nel corso di una prossima Conferenza dei Servizi. Sia Spacca che Castellucci hanno sottolineato il problema delle risorse, poche, in sostanza ‘vanno afferrate al volo quando ci sono’, così come ha ricordato lo stesso Ministro Di Pietro nel corso di un incontro del 5 luglio scorso.
L’assessore Loredana Pistelli ha ricordato che, in quella stessa riunione si è raggiunto l’accordo con la Provincia di Pesaro-Urbino sul problema della cosiddetta complanare. Anche se, in questa fase, non è possibile prevederla, l’opera è solo rinviata e sarà tra le priorità presentate a settembre dalla Regione a Di Pietro, nel corso della sua visita nelle Marche.
L’accordo è stato ratificato il 7 luglio nel corso di un’apposita Conferenza di Servizi. Nel pomeriggio della stessa giornata, un’altra Conferenza dei Servizi ha preso in esame il tratto autostradale Porto Sant’Elpidio-Pedaso. La riunione è stata aggiornata a fine estate per ulteriori valutazioni tecniche.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 317 volte, 1 oggi)