ASCOLI PICENO – Una precisa volontà di innalzare il livello della sicurezza nei luoghi di lavoro, in particolare nell’edilizia, con l’impegno di predisporre idonei strumenti che diano attuazione ai principi di tutela e prevenzione, a cominciare da uno studio sull’organizzazione degli appalti pubblici e relativi contratti: sono gli obiettivi in cui si sono ritrovati i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL, che avevano richiesto alla Provincia uno specifico incontro sul tema degli appalti pubblici e tutela della sicurezza, e l’Amministrazione provinciale, presente in Sala giunta con il Vicepresidente Mandozzi, gli assessori Canzian, Maroni ed Offidani, il Direttore generale Camastra ed il Dirigente del Servizio Edilizia Scolastica e Patrimonio edilizio Ortenzi.
Il tema va affrontato con tempestività, anche alla luce dei dati del primo semestre 2006 che, a livello regionale, fanno registrare un preoccupante incremento delle morti sul lavoro, 6, a fronte delle 8 “morti bianche” dell’intero 2005.
L’incontro ha innanzitutto evidenziato il “disordine” amministrativo in questa materia, anche determinato dalla fase di passaggio al nuovo codice dei lavori pubblici (attualmente sospeso in attesa di nuove determinazioni). Inoltre la folta delegazione sindacale, rappresentata dalle segreterie provinciali e dai rappresentanti del settore edile, ha puntato l’indice contro il sistema degli appalti e delle tutele spesso solo formali che caratterizzano l’espletamento, pur a norma di legge, dei bandi di gara. I sindacati chiedono di inserire nuove clausole, compatibili con la legislazione vigente, tali da garantire anche la “qualità” organizzativa e contributiva delle imprese che partecipano all’aggiudicazione delle aste pubbliche.
Per quanto riguarda gli appalti effettuati dalla Provincia, sindacati e amministratori provinciali hanno stabilito di attivare un gruppo di lavoro ristretto per lo studio di una nuova formulazione di contratti – tipo e di gare di appalto che tenga conto di queste indicazioni. Da parte loro, gli assessori hanno manifestato l’intenzione di procedere ad una verifica anche del Regolamento provinciale sui contratti dell’Ente.
Particolare apprezzamento da parte sindacale per l’iniziativa, già intrapresa da qualche mese dalla Provincia, di incaricare funzionari e dirigenti di svolgere un’attività di controllo con almeno due sopralluoghi in ciascun cantiere di edilizia scolastica, oltre alla prevista attività di monitoraggio degli stati di avanzamento dei lavori.
La problematica della sicurezza dei luoghi di lavoro e lo studio di azioni di prevenzione saranno oggetto di un prossimo incontro del Tavolo Provinciale di Coordinamento per la Programmazione Economica perché temi di tale portata, come convenuto tra tutti i presenti, vanno affrontati interessando tutti i settori produttivi e coinvolgendo pienamente tutte le organizzazioni di categoria

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 297 volte, 1 oggi)