GROTTAMMARE – Terzo appuntamento con i percorsi artistici de “Nelle ore possibili”, rassegna curata da Cristina Petrelli presso il ristorante Borgo Antico di Grottammare Alta. Dopo Marco Calcinaro e Roberto Zitolo, in esposizione un artista ascolano, Gianluca Tappatà.
L’artista fotografa luoghi quotidiani – sia artificiale che naturale – in maniera “pura”, così come si presentano davanti agli occhi, ponendo molta attenzione alla luce, sui riflessi che essa sistema naturalmente, anche su artefatti umani. I suoi scatti non fanno soltanto vedere il riflesso della luce, ma anche il riflesso/riflessione di chi fruisce dell’opera.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 421 volte, 1 oggi)