SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non hanno ancora un volto i tre individui che ieri pomeriggio, pochi minuti dopo le 15, si sono introdotti all’interno della Banca Popolare di Spoleto, a Porto d’Ascoli, sottraendo dalle casse dell’istituto di credito 40 mila euro, dopo aver minacciato con un taglierino il direttore della filiale e rinchiuso il personale in una stanza. Le ricerche avviate dai carabinieri di San Benedetto non hanno dato ancora l’esito sperato. Tuttavia, i militari stanno battendo una pista che nei prossimi giorni potrebbe portare a sviluppi interessanti.
Al vaglio delle forze dell’ordine ci sono, infatti, alcune rapine messe a segno nel Fermano, sempre ai danni di filiali della Banca Popolare di Spoleto, che sembrerebbero avere alcune analogie con quella compiuta ieri a Porto d’Ascoli.
Intanto, sembra certo che la fuga dei tre componenti della banda sia avvenuta prima a piedi e poi sia proseguita a bordo di un’auto, situata probabilmente nelle vicinanze della banca.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 423 volte, 1 oggi)