SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bancarelle sul lungomare, capitolo chiuso. Il sindaco Gaspari non fa marcia indietro: le attività degli ambulanti resteranno tra via Bellini e via Dei Mille e su Viale Rinascimento non ci sarà spazio per il mercatino della tipicità. «Sulla dislocazione delle attività – spiega il primo cittadino – esiste un accordo preciso, condiviso da tutti. Abbiamo detto basta alle bancarelle sul lungomare. E’ una questione di rispetto delle regole, non siamo nel far west».
Dunque, porte chiuse alle richieste delle associazioni di commercianti che auspicavano un ripensamento dell’Amministrazione almeno in merito alla conferma del mercatino dei prodotti tipici nell’area dell’ex Las Vegas. Gaspari fa suo il motto lanciato ieri dalla responsabile locale della Confcommercio, Maria Angellotti al termine della riunione svoltasi in Comune: «O tutti o nessuno sul lungomare. Visto che le regole in materia sono state già stabilite, non esiste possiblità di ripensamento. Le due attività che sono rimaste alla Rotonda di Porto d’Ascoli andranno via a fine estate, è tutto previsto. Le richieste di Confesercenti e Confcommercio? Sarebbe opportuno che ci formulassero le loro proposte alternative per la collocazione del mercatino».
Il sindaco accosta idealmente il ‘caso’ bancarelle a quello della Palazzina: «Non capisco l’intento di certe rivendicazioni. Si tiene davvero alle proprie attività o ci si vuole appropriare del lungomare? Così per la Palazzina: si desidera continuare a ballare o si punta solo alla Palazzina?»
Il primo cittadino lancia un salvagente ai commercianti in vista della prossima stagione: «Da settembre ne riparleremo».
Altro nodo da sciogliere, la regolamentazione dell’occupazione del suolo pubblico, fino ad oggi affidata a delle autorizzazioni concesse dal dirigente responsabile su richiesta degli esercizi commerciali. «Voglio impostare il mio mandato sulla certezza delle regole, per questo ho già chiesto di predisporre un regolamento apposito, dal momento che ne siamo sprovvisti da tempo. L’auspicio è che sia pronto entro fine luglio. Naturalmente dovrà prima essere sottoposto all’approvazione del Consiglio comunale».
Archiviata la querelle sulle attività commerciali, Gaspari coglie l’occasione per rivolgere un appello a residenti e turisti per una maggiore pulizia della città: «Non si possono rovesciare i rifiuti nei cassonetti senza chiuderli prima nei sacchetti. Confido nel buon senso della gente, aiutiamoci a tenere pulita la città. Il degrado ricade sulle spalle di tutti, in primis sugli operatori turistici».
Dal primo cittadino giunge, infine, un severo monito ai locali pubblici che continuano a non rispettare l’ordinanza che vieta di somministrare bevande alcoliche nell’orario di svolgimento delle partite: «Chi contravverrà alle regole sarà punito con sanzioni pesanti» annuncia Gaspari. Nei prossimi giorni sarà emessa anche un’ordinanza per vietare di portar fuori dai locali le bottiglie in vetro: «Il parco di via Ristori è diventato ormai un centro per la raccolta differenziata del vetro. La situazione è insostenibile». Un provvedimento analogo riguarderà i supermercati, per i quali saranno stabilite limitazioni all’orario di chiusura.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 524 volte, 1 oggi)