GROTTAMMARE – «Quando una manifestazione inizia a superare un certo numero di edizioni, entra di fatto nella storia della cittadina. Spero vivamente, altresì, che il palio non divenga di stampo troppo agonistico, che rimanga come una gara, sì, ma mossa dalla passione per il mare e come animazione turistica». Queste le parole del Sindaco di Grottammare Luigi Merli, durante la conferenza di presentazione dell’VIII Palio del Pattino, che si terrà il 15 ed il 16 luglio.

«E’ una bella manifestazione – continua Merli – poiché dà l’idea di un salto nel passato, al turismo di una volta, tranquillo, quando si prendeva il pattino e si andava a largo, guardando la città sotto un altro punto di vista».

Natale Santori, Assessore allo sport, mette il punto sul regolamento, per la buona riuscita della gara. Presenta anche il resto del programma, che non si ferma al palio, ma che vede anche una gara di nuoto per bambini e il Miglio marino – nuoto per disabili – , in collaborazione con l’associazione il Cavalluccio marino, poiché – come egli stesso spiega: «Nessuno deve rimanere fuori dall’acqua».

Fino ad ora i rioni iscritto sono tredici, ma non sono stati fatti i nomi poiché, per regolamento, ci si può iscrivere alla gara fino ad una settimana prima.

Quest’anno, probabilmente, vedremo anche una consegna del Pattino d’oro, un premio realizzato dall’orefice Maria Teresa Coeta che viene consegnato al rione che vince per tre volte il Palio. Quest’anno i favoriti sono il rione Artisti (che ha vinto nel 2000 e 2001), il rione Bore Tesino (2002/2003) e il rione Lame (2004/2005).

Verrà comunque consegnato il Memorial Maurizio Pignotti – il primo ragazzo che vinse il palio, scomparso in un tragico incidente – al primo arrivato che, se è stato già premiato negli scorsi anni, passerà il pattino di legno al secondo e così via.

Breve, ma interessante l’intervento di Franco Bruni, presidente di uno dei tre circoli velici organizzatori (Le Grotte, Amici del mare, Club Ischia) : «Basta con le polemiche invernali: continuando così si rischia soltanto di minare la buona riuscita del palio».

Infine, l’intervento di Antonio Capretti che lancia un segno sulle future edizioni: «Speriamo che per le prossime edizioni si possa contare su manifestazioni parallele che esaltino il palio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.073 volte, 1 oggi)