SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb dei Tormenti riparte da Claudio Molinari. È lui infatti il nuovo direttore generale della Samb: nel tardo pomeriggio è stato siglato l’accordo tra Molinari e la famiglia Tormenti (si dovrebbe trattare di un contratto biennale). «Il nostro obiettivo è ricostruire, e per farlo abbiamo scelto un grande professionista» afferma Marcello Tormenti dagli uffici della Samb, che intanto invia uno stringato comunicato stampa che sintetizza l’intera giornata: «Il commissario straordinario della Figc, su conforme parere della Covisoc, ha ufficialmente assegnato il titolo sportivo alla S.S. Sambenedettese Calcio Srl che può iscriversi al campionato di C1. Il primo grande obiettivo è stato raggiunto, da questo momento si opera per costruire il futuro ed in tale contesto si ì proceduto alla nomina del direttore generale nella persona del signor Claudio Molinari».
Molinari dunque torna alla guida della Samb dopo il triennio 2001-04, vissuto tra la gioia della promozione in Serie C1 e i momenti difficili del rapporto tra stampa, tifosi, Gaucci e amministrazione comunale. Anche noi della stampa infatti avemmo i momenti difficili, culminati con i quattro mesi ininterrotti di silenzio stampa proclamati da Luciano Gaucci, con la chiusura della sala stampa. Tuttavia, anche nei momenti più tesi, non potemmo che apprezzare il lavoro svolto da Molinari, costretto in una situazione complicata, ma che, in ogni occasione, difese sempre gli interessi della società, anche quando a comandarla c’era chi prendeva decisioni illogiche.
Entro venerdì verranno resi noti i nomi del nuovo tecnico e del nuovo direttore sportivo. Per quest’ultimo compito in testa c’è sempre Italo Schiavi, che vanta, come Molinari, buoni rapporti con Pierpaolo Marino, direttore generale del Napoli.
«Abbiamo deciso di prendere tutte queste decisioni assieme a Molinari» continua Marcello Tormenti, «perché siamo ripartiti dall’alto perchéè il direttore generale è al figura più importante e adesso costruiremo la Samb pian piano. Il nostro è un progetto serio, di lunga durata, e non promettiamo Serie A o Champions League: spiegheremo le nostre intenzioni al momento dovuto».
Oltre a Schiavi, emerge sempre il nome di Enzo Nucifora, al quale sarebbe stata fatta una proposta economica, e Vincenzo Minguzzi, ex portiere della Samb quest’anno direttore sportivo del Grosseto. Per la panchina, l’ex calciatore di Perugia e Udinese Alessandro Calori è il nome più gettonato.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.203 volte, 1 oggi)