GROTTAMMARE – Grande inaugurazione per Piazza Kursaal, che torna dopo anni ad essere il centro di incontro e aggregazione grottammarese. Presenti alla cerimonia di inaugurazione Massimo Rossi, presidente della Provincia, Luigi Merli Sindaco di Grottammare, l’architetto Massimo Sciarra e Don Giovanni, parroco di San Pio V, che ha benedetto la Piazza e tutte le persone che ci cammineranno in futuro. Luigi Merli ha concluso il suo intervento con una poesia di Pio Ottaviani, Lu paese mi.

La piazza del Kursaal nacque nel 1873 come primo chalet marino allestito dal Comune. Diventerà poi il primo stabilimento bagni dei Fratelli Rivosecchi, per arrivare alla costruzione dell’attuale palazzina in stile Liberty degli anni ’50.

Dopo il taglio del nastro, si è inaugurata la mostra “Mi ritorni in mente” al MIC, organizzata da Italo Gnocchi, consulente RAI. Presenti l’Assessore alla cultura Enrico Piergallini, Michele Rossi, Angelo Maria Ricci ed il poeta anconetano Francesco Scarabicchi, che ha letto un pezzo dell’Insegna, in cui si narra della sua esperienza a Grottammare.

I pezzi esposti al Museo Comico sono una vera chicca per chi ama ricordare: copertine di dischi, articoli di giornali, foto dell’epoca e manifesti originali in cui è affascinante notare come la grafica di quegli anni, seppur semplice, rendeva già il viso di un artista, noto: lo incorniciava a renderlo una star.
All’interno della mostra è presente una stanza, vuota: questa è la stanza dei ricordi, ove tutti possono scrivere i loro personali ricordi legati al Kursaal e poi appenderli alle pareti.

Alle 21 è stata inaugurata la targa targa in ricordo di Lucio Battisti, a memoria di uno dei suoi rari concerti live tenuto proprio sulla rotonda del Kursaal il 5 agosto 1970, realizzata in plexyglass con stampa dell’illustrazione di Battisti di Angelo Maria Ricci. Ricordiamo che Battisti tenne soltanto una decina di concerti, di cui uno proprio a Grottammare. A seguire, proprio in questo ricordo, un concerto dei Formula3, che accompagnarono Battisti in suddetto concerto.

La Piazza gremita fino a tardi fa pensare che la ristrutturazione sia davvero piaciuta, a dispetto di tutte le polemiche nate in fase di progettazione. Si torna quindi ad uscire di casa e ad incontrarsi in piazza all’aria aperta, nel gioco di luci e acqua della fontana a raso.

E in riva al mare, sopratutto.

Pu ggirà quanne te pare, / pe le terre più nascoste, / ma stu sole, nghe stu mare, / ne li truve in nisciùn poste. // Qqua ce truve tutte quonte, / le bellezze de nature, / nghe lu verde de le piante, / lu profume e la frescure.
(Alcuni versi de “Lu paese mi” di Pio Ottaviani)

FOTOGALLERY Per vedere le nostre fotografie sull’evento basta cliccare sulla destra, sulla sezione ?Multimedia

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.343 volte, 1 oggi)