GROTTAMMARE – (a cura di Annalisa Cameli) «Più o meno, il Kursaal ed io siamo nati assieme, lui la notte di sabato 19 luglio 1952 nel “fantasmagorico gioco di luci”, nell’”argenteo splendore di una pioggia di bengala”, io più sommessamente…” (da L’Insegna di Francesco Scarabicchi). Molti grottammaresi possono affermare le stesse parole.

E crediamo che lo faranno con piacere quando, sabato 24 giugno, la nuova piazza del Kursaal, disegnata dall’architetto Massimo Sciarra, verrà inaugurata.
In molti infatti ricordano i tempi d’oro del Dancing delle Palme – che nel ’53 diventerà Kursaal dancing – quando si tenevano concerti di grandi artisti, quando la Carrà veniva in vacanza alle Grotte e si ballava fino a tarda notte in spiaggia.
Il recupero di questo spazio è stato fortemente voluto ed anche fortemente sostenuto, sia per una riqualificazione turistica/urbana, ma soprattutto per un valore storico/culturale che lo spiazzo aveva e continuerà ad avere. Con questo grande cambiamento si vuole evidenziare al meglio la filosofia di spazio umano, dove parlare, stare con gli amici, ballare.
Senza contare che – urbanisticamente parlando – prima sembrava che Grottammare finisse lì, subito dopo il Kursaal: invece ora, grazie all’aerosità acquisita, si può godere meglio anche di viale Colombo (il lungomare “vecchio) e aprire una continuità con la pista ciclabile che lega Cupra a Grottammare.
L’inaugurazione non sarà un semplice “taglio del nastro�?, partirà col saluto delle autorità avvalendosi anche di due grandi eventi artistici: la mostra fotografica (resterà aperta fino al 3 settembre), curata da Italo Gnocchi – discografico e consulente RAI – che ripercorrerà gli anni Sessanta di Grottammare attraverso le immagini, gli spartiti ed i 33 giri; ed un concerto dei Formula3 (ore 21:30), il gruppo che accompagnò l’esibizione di Battisti nel 1970 al Kursaal dancing.
Sarà anche apposta una targa in ricordo proprio di Lucio Battisti, realizzata con l’immagine dell’illustratore Angelo Maria Ricci, che fra l’altro ha anche realizzato un inedito “nuovo Kursaal�? all’acquerello. La stessa illustrazione sarà regalata al vincitore di Cabaret Amore Mio 2006.
(La foto che pubblichiamo con il presente articolo è tratta dal libro “La lunga estate del Kursaal” di Michele Rossi. Sul Kursaal pubblicheremo molte foto d’archivio e informazioni sul prossimo numero di Riviera Oggi, in edicola da venerdì prossimo).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.443 volte, 1 oggi)