(a cura di Annalisa Cameli)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il primo degli appuntamenti delle seconda serie del festival “Saggi e paesaggi? si è tenuto sabato 17 giugno presso il Palazzo Vannicola sede della Facoltà di Economia a Porto d’Ascoli. Dopo il buon risultato della prima fase, tenutasi fra aprile e maggio e incentrata sul territorio visto sotto l’aspetto artistico, inizia dunque la seconda fase della rassegna sulla valorizzazione del paesaggio dal punto di vista imprenditoriale, turistico ed economico.

Nel convegno inaugurale del 17 giugno, intitolato “Il paesaggio smarrito e il futuro dei nuovi turismi?, si sono approfonditi vari temi, spaziando dalla valenza urbanistica, economica e turistica del bene paesaggistico visto come patrimonio culturale che qualifica le comunità locali. Il convegno ha avuto il supporto di vari esperti del settore .

Durante la mattinata si è trattato del paesaggio economico e delle opportunità del turismo di conoscenza, con gli interventi di Jan Van der Ploeg dell’ Università di Wageningen, Flaminia Ventura dell’Università di Perugia, Carlo Carboni e Renato Novelli dell’Università Politecnica delle Marche, Charit Tingsibadah dell’Università Chulalongkorn Bangkok.

Nel pomeriggio si è trattato del paesaggio delle emozioni e dello sguardo del viaggiatore. Decisivo per questo tema è stata la presenza e l’intervento dello scrittore marchigiano Angelo Ferracuti che ha fatto rivolgere lo sguardo al paesaggio sotto un occhio diverso: quello della letteratura.

Decisiva anche la conclusione finale, data da Gino Troli – presidente AMAT – puntato
sul paesaggio come esigenza di spazi per gli artisti, per gli attori, scrittori, scultori. Puntando il dito anche sulle opere di grande valore culturale che abbiamo nella nostra provincia e che non sono affatto valutate come dovrebbero.
Prossimo appuntamento di dibattito giovedì 22 giugno sempre a San Benedetto del
Tronto presso l’Auditorium della Biblioteca per discutere del governo del territorio fra Stato ed enti locali e sulla qualità del paesaggio. Altro appuntamento da non perdere venerdì 23 giugno presso l’ I.P.S.S.A.R. (Istituto alberghiero) in Piazza Monsignor Sciocchetti alle ore 11,00 per la presentazione e inaugurazione della IV “Biennale Europea del paesaggio”. La mostra, tramite una estrapolazione delle migliori opere dell’esposizione spagnola, ripensa il rapporto con la natura e comprende l’approccio innovativo dei migliori progetti europei confrontando queste esperienze con la splendida realtà picena. Dopo l’inaugurazione della mostra si terrà un convegno, sempre presso l’Auditorium, che parlerà delle opportunità per il paesaggio costiero. La rassegna si conclude sabato 24 giugno a Ripatransone con un denso convegno sull’identità e sulla valorizzazione del paesaggio dell’entroterra.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 516 volte, 1 oggi)