ASCOLI PICENO – Si conclude con una vittoria il campionato della Pallanuoto Delphinia. Quarti con 28 punti, dietro Marche Nuoto Jesi, Rari Nantes Perugia e la capolista Tolentino, i ragazzi di Attilio Garbati, nel computo delle 16 partite giocate hanno ottenuto 8 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte.
Qualche curiosità: quella sambenedettese è la seconda compagine del girone 4 di terza serie con meno sconfitte, ma anche la prima per pareggi. Di più: quella rossoblu è stata l’unica compagine in grado di battere l’inarrestable Tolentino. Bilancio insomma assolutamente positivo, specie se pensiamo alla carenza di spazi acqua cui la pallanuoto nostrana deve fare i conti. Il clan della Delphinia, naturalmente, spera che la nuova amministrazione comunale provvederà quanto prima a porre rimedio alla critica situazione.
L’ultimo atto della stagione si è tenuto sabato 10 giugno, presso la piscina comunale di Ascoli Piceno. Ospite il fanalino di coda Rari Nantes L’Aquila, condannato da tempo alla retrocessione in serie D. Nelle fila dei padroni di casa assente il numero 1 Di Fulvio; esordio in prima squadra per il giovanissimo Swuec.
La partita. Pronmti, via Marchionni va in gol. Di lì a poco un fallo dello stesso capitano permette agli ospiti di pervenire al pareggio.
Gli aquilani cominciano a spingere e si portano in vantaggio; Bruni mette tutti d’accordo firmando il pari (2-2). Complice una difesa disattenta e poco aggressiva, gli abruzzesi si rifanno sotto firmando un parziale di 3-0. Il primo tempo si chiude dunque sul 5-2 in favore degli abruzzesi.
Il secondo tempo parla solo sambenedettese: Clerici (assente coach Garbati) riorganizza la squadra e gestisce i cambi dalla panchina, chiedendo più gioco con il centroboa. Detto, fatto: nel giro di poco più di un minuto Bruni realizza una doppietta. Seguono a ruota le realizzazioni di Marchionni, Leli e Bruni. Vantaggio rossoblu: 8-5.
Nel terzo tempo la Delphinia consolida il vantaggio portandosi sopra di 5 reti, con Damiani e Marchionni su rigore; spazio infine ai giovani debuttanti dell’under 20 che, per la prima volta in acqua, danno il tutto per tutto per farsi notare.
L’Aquila riprende fiato e tenta la rimonta, costruendo più azioni gol degli avversari, concretizzando in due reti e ottenendo un rigore poi trasformato. Terzo tempo che si chiude sul 10–8.
Nell’ultimo parziale i padroni di casa gestiscono il risultato, portandosi ancora in vantaggio con Bruni e Damiani. Gli ospiti rispondono troppo tardi accorciando le distanze. Marchionni sigla il 13° gol per la sua squadra, mentre a 30 secondi dal termine gli avversari siglano l’ultima rete dell’incontro, che si conclude sul13 a 10.
Per la Delphinia in acqua:
Paolo Swuec; Tonino Leli (1); Cesare Damiani (2); Antonio Marcelli; Silverio Marchionni (4); Antonio Bruni (6); Adolfo Rastelli ; Marco Maduli; Gianvincenzo Clerici; Patrizio Mascitti; Lorenzo Cacciagrano; Davide Lunetti

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.220 volte, 1 oggi)