CIVITANOVA MARCHE – Picasso è decisamente un grande artista contemporaneo. Mi è capitato sentir dire, che guardando le sue opere si potrebbe pensare ai deliri di un pazzo, o ad una persona che non ha ben chiaro cosa sia la prospettiva.

Invece Picasso la conosceva eccome. Anzi, egli studia la quarta dimensione, per la
quale è possibile vedere tutti i lati di un oggetto, ad esempio una mela, come fosse schiacciata su un piano bidimensionale. E’ per questo che quando vediamo un viso di Picasso possiamo vedere tre occhi, o due bocche.

La mostra ‘Omaggio a Picasso’ vanta più di ottanta opere, fra cui alcune di spicco, come pezzi unici dipinti su tela o su terracotta, disegnati a matita o a pastello o scolpiti in bronzo.

Presenti numerose incisioni fra cui ‘Il pasto frugale’ del 1904, cinque ‘Saltimbanchi’ del 1905, una dozzina di tavole del ‘Tricorne’ (1920), le serie complete di ‘Le cocu magnifique’ (12 tavole), ‘Sables mouvant’ (10) e ‘Célestine’ (12). Presente anche in mostra la prima opera pubblicata in Italia sulla rivista fiorentina “La Voce” nel 1912.

Nell’attigua Chiesa di Sant’Agostino saranno invece esposte altrettante opere dedicate da grandi artisti internazionali a Picasso subito dopo la sua morte; tra questi grandi nomi di spicco troviamo: Miró, Masson, Bellmer, Dalí, Tàpies, Warhol, Lichtenstein, Guttuso.

La mostra che verrà inaugurata il 2 luglio e rimarrà aperta fino al 29 ottobre, è posta sotto il Patrocinio del Senato della Repubblica e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il catalogo è a cura del Professor Renato Barilli – Edizioni Gabriele Mazzotta. Inaugurazione è prevista il 2 luglio alle ore 18.00 presso il Teatro Annibal Caro di Civitanova Marche. Orario: luglio e agosto dalle ore 18 – 23; settembre e ottobre ore 17 – 20. Chiuso lunedì.
Info: 0733/892650 (orario mostra).

(Articolo a cura di Annalisa Cameli)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 431 volte, 1 oggi)