MONSAMPOLO DEL TRONTO – Con la presentazione del libro “Il Bacio della Vergine” di Giuseppe Binni, viene dato ufficialmente il via alla Fiera di Santa Teopista, patrona del paese insieme a San Paolo. La santa era una martire che, vissuta sotto l’Imperatore Valeriano (III – IV secolo d.C.), secondo la tradizione preferì ad un matrimonio forzato il martirio.

Santa Teopista, che è protettrice dei prodotti della terra dalla grandine e dalle tempeste, viene celebrata dal 1645, data di arrivo della reliquia nel paese, con una festa legata all’agricoltura e all’allevamento.

Dopo la presentazione del libro di Binni, che avverrà in piazza Roma alle ore 21,30 sotto il Palazzo dei Guiderocchi, il gruppo Teatrlaboratorium 27 AIKOT con gli allievi del Corso di Teatro presenterà un recital a cura di Vincenzo Di Bonaventura tratto dal romanzo dello scrittore di Monsampolo.

Il 17 giugno nel chiostro del Convento di San Francesco verrà presentato lo spettacolo teatrale ‘Il Martirio della Vergine’ dell’autore belga De Ghelderode, curato e allestito dall’Associazione Teatrlaboratorium 27 Aikot.

Un ricco programma enogastronomico accompagnerrà gli spettacoli. Oltre ai consueti stand, la Slow Food organizza una esposizione di birre d’abbazia e trappiste, a cui parteciperà anche Lorenzo Da Bove, direttore culturale Unionbirrai, mentre domenica 18 giugno, nel chiostro di San Francesco, verra allestita una cena a tema con la partecipazione dei ristoratori locali.

L’iniziativa denominata “La cucina dello spirito”, curata dall’Associazione “I Sapori del Piceno” e redatto dalla Slow Food Convivium del Mare Salato, che vede coinvolti il Comune di Monsampolo quello di Monteprandone fornirà l’occasione per valorizzare e promuovere il patrimonio artistico e culturale di Monsampolo anche attraverso la riscoperta della tradizione enogastronomia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 796 volte, 1 oggi)