GROTTAMMARE – «Dovesse andarsene, farei le valigie anch’io». Firmato Pino Aniello. Il diesse del Grottammare Calcio mette il dito nella piaga. Come noto il numero uno del sodalizio grottammarese Amedeo Pignotti sta meditando sull’ipotesi di passare la mano; lo seguirebbe, a ruota, anche il direttore sportivo. Aria di smobilitazione insomma, in casa biancazzurra.
«C’è molta amarezza nel constatare l’indifferenza della città nei nostri confronti – sentenzia Aniello – Quest’anno, per la prima volta, dopo campionati vincenti, abbiamo avuto delle difficoltà e subito ci sono piovute addosso molte critiche. Nessuno però ha tentato di aiutarci. Ci sentiamo poco sorretti, anche perchè, non va dimenticato, in tutti questi anni il Grottammare ha sempre fatto più di quello che era nelle sue possibilità».
Su Pignotti poi, Aniello aggiunge: «Il gesto di lunedì scorso, quando ha consegnato al sindaco la targa di benemerenza per i 107 anni di storia della società, credo valga più di tante parole: ritengo che qualora non ricevesse, a breve, segnali importanti da parte della città, lascerà la guida della società».
Il presidente biancazzurro dal canto suo conferma che «non ho ancora deciso il da farsi, aspetto, come già detto, il ritorno dalle vacanze del sindaco. La prossima settimana attraverso un comunicato stampa, oppure direttamente con una conferenza, comunicherò la mia decisione». Fine delle trasmissioni.
E AMAOLO? Fermo restando che la componente tecnica è strettamente legata alla risoluzione della quesitone societaria, mister Daniele Amaolo gode della piena fiducia della dirigenza. Tradotto: qualora restasse Pignotti, il tecnico biancoceleste sarebbe confermato.
«Non avrei problemi a restare – ammette il diretto interessato – Mi sono trovato molto bene a Grottammare, ma soprattutto quando sono arrivato, a stagione in corso, avevamo già improntato un programma a lunga scadenza. Staremo a vedere cosa succederà. Spero il presidente decida di rimanere».
CENA PER FESTEGGIARE LA SALVEZZA Stasera intanto lo staff tecnico biancazzurro e l’intera squadra si ritroveranno a cena per festeggiare la salvezza guadagnata in maggio ai danni della Nuova Avezzano. Domani invece Amedeo Pignotti, molto probabilmente accompagnato dal diesse Aniello, sarà a Sorrento per ritirare la Coppa Disciplina, il premio riconosciuto dalla Lega alla squadra nazionale Juniores.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.279 volte, 1 oggi)